Referendum, italiani all’estero: plichi e scadenze [rettifica]

elez-aire

Si avvicina il termine del referendum costituzionale del 4 dicembre per il quale gli italiani residenti all’estero voteranno per corrispondenza. Tra loro – dall’entrata in vigore dell’Italicum – ci sono anche i connazionali temporaneamente all’estero che ne facciano richiesta e che hanno ancora due settimane per esercitare questa opzione. Per partecipare al voto all’estero, infatti, questi elettori dovranno comunicarlo al loro comune di residenza entro e non oltre il 2 novembre prossimo. È possibile la revoca della medesima opzione entro lo stesso termine: l’opzione è valida solo per il voto cui si riferisce (in questo caso, per il Referendum del 4 dicembre 2016).

A loro e a tutti gli iscritti all’Aire aventi diritto al voto – che a loro volta non hanno scelto di votare in Italia (in questo caso il termine è scaduto l’8 ottobre) – arriverà il materiale elettorale per posta, spedito dai consolati a partire dal 16 novembre. Quanti non dovessero ricevere il plico elettorale entro un ragionevole termine potranno richiedere il duplicato al consolato.

Nel plico saranno indicati i termini specifici per la spedizione o consegna al consolato della scheda di votazione, presumibilmente non oltre il 1° dicembre.

L’Ambasciata d’Italia a Bratislava informa che a tutt’ora non ci sono comunicazioni al consolato sulle date ufficiali, tranne quella del 2 novembre per la comunicazione ai comuni dell’intenzione di votare all’estero da parte dei temporaneamente all’estero.  L’Ambasciata pubblicherà sul suo sito non appena disponibili le ultime informazioni di cui sopra.

(aise)

Foto aise.it

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google