Datori di lavoro: il governo ha entrate record, non può aumentare tasse e contributi

tasse_gotcredit-16825349671-cc-by

I rappresentanti di sei associazioni dei datori di lavoro sei e camere di commercio hanno protestato contro il governo per l’aumento dei costi del lavoro sui lavoratori dipendenti con reddito più elevato. Il limite massimo di reddito per il pagamento dei contributi di previdenza sociale salirà da 4.290 euro a 6.181 euro a partire dal prossimo anno, e il tetto sul pagamento dei contributi di assicurazione malattia sarà completamente cancellato. Il presidente dell’Unione repubblicana dei datori di lavoro (RUZ) Miroslav Kiraľvarga ha detto che il governo non ha ancora detto ai datori di lavoro che cosa otterranno in cambio del pagamento di contributi più elevati per i loro dipendenti che hanno buste paga elevate. A suo parere, alcuni dipendenti pagheranno 100 euro in più di contributi previdenziali al mese, e la quota a carico del datore di lavoro triplicherà.

Il direttore del Klub 500 Tibor Gregor ha detto che la proposta di aumentare i contributi arriva in un momento in cui sono al massimo le imposte e le entrate dello Stato. Lo scorso anno le casse statali hanno raccolto 1,3 miliardi di euro in più del previsto, ha detto Gregor, e la sola previdenza sociale, l’ente Socialna Poistovna, ha raccolto circa 202 milioni di euro, mentre le compagnie di assicurazione sanitaria hanno incassato 180 milioni di euro.

Il presidente della Confindustria slovacca, la Federazione delle associazioni datoriali AZZZ, Tomas Malatinsky, ha avvertito che il governo nella maggior parte dei casi tasserà con maggiori contributi i principali funzionari delle aziende, proprio «mentre il paese vorrebbe riportare in patria i professionisti slovacchi di alto profilo che all’estero hanno compensi ingenti, e in un momento in cui vogliamo sostenere l’economia basata sulla conoscenza, un settore che ha un bisogno vitale di esperti che sono pagati molto bene».

L’aumento dei contributi è stato approvato in Parlamento con un emendamento preparato dal deputato Lubomir Vazny (Smer-SD), senza che i datori di lavoro di avvedessero che stava succedendo. Le associazioni imprenditoriali, lamentando che in Slovacchia il carico ficale sul costo del lavoro è al 50% mentre nel resto dell’eurozona la media non va oltre il 40%, chiedono al governo di ripartire da zero e aprire un dibattito serio con le parti in causa.

(Red)

_

Foto gotcredit cc-by

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google