Presidente Kiska: i politici devono dare ai giovani il modo di rimanere in Slovacchia

kiskaandrej_(prezid.sk)

Durante una visita ufficiale in Romania, il presidente slovacco Andrej Kiska, apprendendo che più di due milioni di persone hanno lasciato la Romania per cercare lavoro all’estero, ha detto che lo stesso accade anche in Slovacchia. I nostri cittadini giovani e competenti «sono in fuga Slovacchia, ed è nostro compito di politici pensare a come riportarli indietro». Tra le soluzioni, ha affermato, vi è quella di attirare in Slovacchia aziende internazionali di successo per le quali i giovani vorrebbero lavorare, oppure creare condizioni idonee per le start-up e le innovazioni, così da preparare le condizioni per la nascita di nuove imprese nel paese che potrebbero convincere i giovani a restare.

Secondo Kiska le economie di Slovacchia e Romania hanno molto in comune, entrambi i paesi hanno conseguito importanti risultati economici e sono fortemente orientate verso l’industria automobilistica. Lo sviluppo di entrambi i paesi, ha aggiunto, dipende ora dalla quantità di lavoratori istruiti in settori tecnici. C’è tuttavia «una differenza fondamentale nella lotta alla corruzione», che la Romania ha iniziato a combattere con una azione vigorosa contro migliaia di funzionari statali, e anche tra i politici, finendo per condannare l’80 per cento degli imputati. Kiska crede che per lo sviluppo economico e l’accoglimento di investimenti esteri è estremamente importante che il paese sappia come combattere la corruzione e far rispettare la legge. «Questa è una delle condizioni più importanti per ogni investitore. Quindi, quando parliamo di sviluppo economico della Slovacchia dobbiamo anche parlare di lotta alla corruzione e rispetto della legge», ha concluso il capo dello Stato slovacco.

(Red)

_
Foto prezident.sk

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google