È morto l’ex presidente Michal Kovač

Michal-Kovac

L’ex presidente slovacco Michal Kovač è morto ieri pomeriggio all’età di 86 anni a Bratislava. Malato da anni di morbo di Parkinson, era stato ricoverato la scorsa settimana d’urgenza all’Ospedale statale di San Michele nella capitale. Kovač fu il primo presidente della Slovacchia dopo l’indipendenza nel 1993. Il suo mandato, durato fino al 1998, fu segnato da uno scontro istituzionale molto duro con il primo ministro Vladimir Mečiar, leader del partito Movimento per una Slovacchia Democratica (HZDS), dal quale proveniva anche lo stesso Kovač. L’anno di conflitto più acceso fu il 1995, quando il figlio del presidente sarebbe stato rapito dai servizi segreti controllati da Mečiar e trasportato oltreconfine, in Austria quando ancora la Slovacchia non era parte di Schengen e la frontiera era presidiata da polizia e funzionari doganali. Il fatto non è mai stato seriamente indagato e Mečiar concesse l’amnistia per tutti i crimini ad esso legati dopo aver assunto le funzioni di presidente ad interim dopo la scandenza del mandato di Kováč.

Il capo dello Stato Andrej Kiska ha detto, ieri che «Kováč ha servito il suo paese da presidente in un periodo difficile nel quale si combattè una lotta spietata e brutale per il carattere e il futuro della Slovacchia … Egli ha contribuito a mantenere la Slovacchia sulla strada che alla fine ha portato il paese nella famiglia europea delle nazioni libere».

Rudolf Schuster, successore di Kováč alla presidenza, ha detto che fino ad oggi il Parlamento slovacco non è riuscito ad affrontare correttamente il caso del rapimento del figlio, malgrado ci sia stato tutto il tempo necessario per farlo.

Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha detto oggi che l’ex presidente slovacco è stato un vero europeo che ha capito che il futuro del suo paese era in Europa. «Con grande tristezza», ha detto Jucker, «ho appreso della morte di Michal Kovač. […] Noi tutti lo ricordiamo per le qualità che ha portato nella vita pubblica: integrità morale, dedizione civica e impegno politico», ha detto, sottolineando come Kovač abbia svolto il compito di capo dello Stato in momenti difficili nei quali la sua coraggiosa difesa della democrazia e dello Stato di diritto ha contribuito a fa tornare la Slovacchia sulla strada europea. «Il miglior modo per rendere omaggio a Michal Kovač è rimanere fedeli alla sua eredità e continuare il suo lavoro», ha aggiunto Juncker.

(Red)

 

**

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google