Migranti: i paesi che hanno eretto un muro

immig_muri_rferl-org

Su Radio Free Europe una mappa interattiva, realizzata da Carlos Coelho sulle base delle ricerche di Deana Kjucka e Diana Munasipova, che mostra tutti i paesi europei che hanno alzato una barriera o hanno inasprito i controlli alle frontiere in seguito all’aggravarsi dell’emergenza migratoria negli ultimi 18 mesi circa. In totale, sono 6 gli stati europei che hanno un “muro”: Bulgaria (al confine turco), Ungheria (confine con Serbia e Croazia), Slovenia (confine con la Croazia), Macedonia (confine con la Grecia), Austria (costruzione in corso al confine con l’Italia) e Francia (costruzione in corso a Calais).

Agli inizi del 2015, pressata da Bruxelles, la Grecia cominciò a identificare, registrare, prendere le impronte di rifugiati e migranti che volessero attraversare la barriera – lunga 12 chilometri e mezzo – che già nel 2012 era stata costruita al confine con la Turchia. Una barriera simile, alta ben sei metri, è presente nelle exclave spagnole in Marocco di Ceuta e Melilla.

La scorsa estate, anche la Bulgaria si è dotata di una simile recinzione, anche se poco più bassa (4,5 metri), al confine con Ankara. Nell’agosto 2015, l’Estonia ha votato per la costruzione di un muro alla frontiera con la Russia, ufficialmente, ha il compito di “proteggere” l’area Schengen: secondo le previsioni verrà ultimata nel 2018.

Continua su Termometropolitico.it

_
Illustrazione: rferl.org

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.