I sindacati slovacchi contro la firma dell’accordo commerciale CETA tra Ue e Canada

ttip-ceta_dennislicht

La Confederazione slovacca dei sindacati (KOZ) si è unita all’iniziativa di numerose organizzazioni civili, sindacali e dei consumatori europei nella richiesta ai rappresentanti degli Stati membri dell’Unione europea per il rifiuto dell’accordo economico e commerciale globale CETA tra l’UE e il Canada. L’accordo, che sarà discusso in una riunione informale dei ministri del commercio dell’Unione europea a Bratislava oggi, è criticato per il suo impatto negativo sulle leggi sull’ambiente, l’agricoltura, l’energia e il lavoro.

Una petizione contro il CETA è stata firmata da più di tre milioni di europei e decine di migliaia di persone protestano contro di esso per le strade di diverse città europee in questi giorni. Secondo gli iniziatori della petizione, il CETA potrebbe influenzare le politiche pubbliche attraverso un meccanismo di risoluzione delle controversie di investimento, e non porterà alcun beneficio per gli europei minacciando invece i servizi pubblici di alta qualità. Inoltre, avrà un impatto negativo sui diritti dei lavoratori. I documenti che riguardano l’accordo CETA, dice KOZ, sono stati preparati sotto un regime di ancora maggior segretezza del patto transatlantico su commercio e investimenti (TTIP) tra gli USA e l’UE, anch’esso fonte di preoccupazioni e proteste in tutta Europa.

(Red)

_
Foto Dennis Licht cc-by-nc-nd

2 Commenti

  1. L’Unione Europea ha oltre 500milioni di abitanti, il Canada 36 milioni: potrei capire il TTIP, ma questa gente come fa a sentirsi minacciata dal CETA?!?

  2. Il fatto che le trattative siano segrete, la dice lunga. Se questo CETA segue le linee del TTIP, è importante bloccarlo. Il numero di abitanti è ininfluente in questi casi, in cui sono le multinazionali a fare lobby e proporre leggi che le salvaguardano.

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.