RS – Il mondo adesso [Aleppo, Libia, New York, Kinshasa, Lesbo, Nord Korea, Giordania, Filippine]

news-mondoadesso

Bombardato un camion che trasportava aiuti umanitari in Siria. È successo nella città di Urm al Kubra, vicino ad Aleppo. Il governo statunitense ha espresso “indignazione” per l’attacco, che è stato attribuito alla Russia ed è avvenuto il pomeriggio del 19 settembre, poco dopo la fine della tregua nel paese. Prima che scadesse il termine previsto dall’accordo tra Stati Uniti e Russia, l’esercito fedele al regime di Bashar al Assad ha dichiarato concluso il cessate il fuoco. Secondo i militari siriani, i ribelli non hanno rispettato i termini imposti dall’accordo e secondo la Russia gli Stati Uniti hanno bombardato l’esercito siriano.


Rapiti due italiani e un canadese in Libia. Sono stati sequestrati a Ghat, una cittadina nel sudovest del paese. Secondo i mezzi d’informazione locali, sarebbero stati rapiti da criminali locali e non da gruppi jihadisti. I sequestratori erano a bordo di due auto e hanno immobilizzato l’autista che li trasportava. I due italiani, Bruno Cacace e Danilo Calonego, lavorano per l’azienda piemontese Con.I.Cos, che si occupa di manutenzione all’aeroporto di Ghat.


Arrestato il sospetto per le bombe a New York. Ahmad Khan Rahami, 28,afgano naturalizzato statunitense, è stato arrestato dalla polizia a Linden, nel New Jersey, dopo una sparatoria. Ahmad Khan Rahami è sospettato di essere responsabile dell’esplosione di una bomba il 17 settembre nel quartiere di Chelsea, a Manhattan, che ha ferito 29 persone, e di altri due episodi collegati all’attentato. Le autorità statunitensi sono caute nel collegare le azioni di Ahmad Khan Rahami con il terrorismo internazionale anche se sembra evidente che la matrice delle azioni sia da ricondurre all’estremismo islamico.


La Corea del Nord testa un nuovo razzo per mettere in orbita dei satelliti.L’agenzia ufficiale nordcoreana Kcna comunica che Pyongyang ha concluso “con successo” il test di un nuovo razzo nella base di lancio di Sohae, nella parte occidentale del paese. Nel frattempo, Cina e Stati Uniti potrebbero discutere di nuove sanzioni Onu in reazione al quinto test nucleare di Pyongyang di dieci giorni fa. La Cina è il principale alleato e partner commerciale della Corea del Nord, ma è diventata intollerante verso le azioni militari del leader Kim Jong-un.


Oggi si vota in Giordania. Per la prima volta, si vota con un sistema proporzionale. Le consultazioni si tengono dopo che a maggio il re Abdullah II, che guida il regno hashemita, ha sciolto il parlamento nominando un premier ad interim. La Giordania, alle prese con la crisi economica e con quella dei profughi potrebbe essere spinta verso la democrazia dal voto dei giovani, la fascia più colpita dalla disoccupazione.


Quattromila migranti abbandonano un campo profughi a Lesbo dopo un incendio. Le fiamme hanno distrutto diverse abitazioni e tende nel campo di Moria, sull’isola greca di Lesbo. Non si segnalano feriti e alcuni di loro sono riusciti a rientrare nella struttura. Non si sa ancora perché sia scoppiato l’incendio. È stato danneggiato il 30 per cento del campo.


Incendiate le sedi di due partiti dell’opposizione a Kinshasa. La notte scorsa nella capitale della Repubblica Democratica del Congo è stato appiccato un incendio nella sede delle Forze innovative per l’unione e la solidarietà (Fonus) e del Movimento progressista lumumbista (Mlp). L’episodio è avvenuto all’indomani dei violenti scontri tra polizia e manifestanti durante il corteo per chiedere le dimissioni del presidente Joseph Kabila. Gli scontri hanno causato almeno 17 morti tra civili e forze dell’ordine.


Senatrice rimossa dalla commissione che investiga sulla campagna antidroga del presidente Duterte nelle Filippine. Il senato di Manila ha rimosso Leila de Lima dalla commissione di giustizia e diritti umani, che indaga sulle centinaia di esecuzioni senza processo avvenute nella guerra alla droga lanciata dal presidente filippino Rodrigo Duterte. La senatrice, leader del Partito liberale delle Filippine, aveva recentemente dichiarato che le uccisioni continue hanno rovinato l’immagine del paese.


I titoli dei quotidiani di oggi

  • Corriere della Sera: “Due italiani rapiti in Libia”
  • La Repubblica: “Libia, rapiti due tecnici italiani. Preso l’attentatore di New York”
  • La Stampa: “Agguato all’alba. Sequestrati in Libia due tecnici italiani”
  • Il Messaggero: “Libia, altri due italiani rapiti”
  • Il Sole 24 Ore: “Borse e bond in rialzo: il petrolio lancia il rally”
  • Il Fatto Quotidiano: “Mps, Profumo con De Bortoli: ‘Ho visto i massoni all’opera’”
  • Libero: “Coraggio Renzi, molla la Ue”
  • Il Giornale: “Renzi si fa rapire altri due italiani”
  • Il Foglio: “Il canone del jihad all’americana”
  • Il manifesto: “L’aiutino”

 

 


Dal sito Internazionale.it

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.