TTIP: la Camera Agroalimentare Slovacca non vuole l’accordo Ue-Usa

alimen-ogm-verdur_(chiotsrun-4934559702)

La Camera Agroalimentare Slovacca (PKS) ha dichiarato ieri che la Slovacchia dovrebbe interrompere i negoziati per il Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti (TTIP) tra l’UE e gli Stati Uniti. Il TTIP, che ha lo scopo di eliminare gli ostacoli al libero commercio e alla libera circolazione dei beni e dei servizi, in realtà porterà alll’invasione di organismi geneticamente modificati in Unione europea, e ridurrà la protezione dei consumatori e la sicurezza dei prodotti alimentali, dice PKS.

A sostegno della sua posizione l’organizzazione cita la resistenza alla trattativa da parte dell’opinione pubblica un po’ in tutta Europa, e da parte di governi e parlamenti ad esempio in Austria e Francia.

Le posizioni che gli Stati Uniti, sottolinea l’associazione, «non ci hanno convinto della loro determinazione a cambiare le proprie regole interne per arrivare a un accordo sul TTIP». Per di più, Washington si aspetta che l’UE elimini le ostruzioni sulle importazioni, per prodotti come i polli clorurati (un trattamento tecnologico del pollame inammissibile nella UE), e il meccanismo per la risoluzione delle controversie potrebbe portare a conseguenze imprevedibili, permettendo alle aziende Usa di citare in giudizio direttamente qualsiasi Stato membro dell’UE, continua PKS.

In conclusione, la Camera Agroalimentare invita il governo slovacco a valutare l’adozione del patto con cautela misurandone i possibili effetti negativi sulla salute e la sicurezza dei cittadini slovacchi, oltre che sull’economia slovacca, dato che l’apertura dei mercati alle multinazionali Usa può seriamente danneggiare le piccole e medie aziende agricole e le industrie alimentari nazionali.

(Fonte RSI)

_
Foto Chiot’s Run CC-BY-NC

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.