Nuovo contingente slovacco nella missione di pace a Cipro: «useranno il dialogo come arma»

forzear_soldati-militar_(FB_mosr.sk)Un nuovo contingente di 90 soldati di professione è partito per Cipro, dove andranno a comporre con chi è già è sul posto una squadra di 169 militari inquadrati nella missione di pace dell’ONU, la UNFICYP. Si tratta di dieci soldati in più, un aumento resosi necessario per l’apertura di un nuovo punto di passaggio tra la parte greca e quella turca in seguito a una normalizzazione delle relazioni. I soldati slovacchi, attivi nel Settore quattro, hanno il compito di monitorare la tregua tra le comunità turca e greca sull’isola. Si tratta di una missione impegnativa, ha detto il vice capo di Stato maggiore delle Forze armate slovacche, generale Jindrich Joch, ricordando che il Settore quattro è tra i più grandi dell’isola e che è munito di un numero elevato di postazioni militari separate, che richiedono un alto numero di comandanti. Ma la situazione non è particolarmente conflittuale, e «la nostra arma principale è il dialogo», ha detto Joch. «Le parole hanno più potere delle armi» in questa missione, e il ruolo dei soldati è più diplomatico che militare, ha detto. La missione UNFICYP è attiva dal 1964. I slovacchi slovacchi sono operativi a Cipro dal 2001.

(Red)

_
Foto FB.com/mosr.sk

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.