Posata la prima pietra del nuovo stadio nazionale di calcio, sarà pronto nel 2018

stadionaziona-NFS

In una cerimonia presso il sito Tehelne Pole a Bratislava diversi rappresentanti istituzionali e autorità locali hanno posato la pietra angolare della costruzione di un nuovo stadio di calcio nazionale (NFS). Presente il primo ministro Robert Fico, il quale riferendosi al percorso complicato del progetto ha detto che «dopo otto, nove anni di discussioni e dopo aver dovuto superare molti ostacoli, abbiamo finalmente dato inizio alla costruzione». «Il calcio è un fenomeno sociale globale», e il governo vuole sostenerlo, ha aggiunto.

 Il sindaco di Bratislava Ivo Nesrovnal ritiene l’inizio dell’edificazione dello stadio come un nuovo capitolo storia del calcio slovacco, e un passo importante nello sviluppo della città: «Tehelne Pole è una delle parti più importanti di Bratislava, un luogo che appartiene allo sport, all’hockey su ghiaccio, al nuoto, al ciclismo, e sono contento che anche il calcio stia tornando ad essere giocato qui», dopo che nel 2013 era stato abbattuto il vecchio stadio dello Slovan Bratislava ormai inutilizzabile. A causa della mancanza di uno stadio di livello europeo nella capitale, le principali partite del calendario continentale si sono svolte in questi anni a Zilina.

O Národnom futbalovom štadióne sa hovorí už 10 rokov. Vždy existovali nejaké prekážky, no som veľmi rád, že sa nám ich…

Posted by Robert Fico on 1. september 2016

Lo stadio, che avrà una capienza di 20.500 spettatori, sarà costruito da Strabag in 76 settimane (un anno e mezzo) per la somma di 59,7 milioni di euro (Iva inclusa). Entrerà in funzione al massimo alla fine del 2018. Lo Stato si è impegnato a riscattare la parte non commerciale dello stadio, e a fornire alla società proprietaria NFS, il cui azionista è il club di calcio dello Slovan, un contributo di 27,2 milioni di euro che sarà poi detratto dal prezzo di acquisto finale. Questo non potrà superare i 75,2 milioni di euro, al netto delle imposte. Da diverse parti sono arrivate critiche per l’alto prezzo della costruzione, che supera (diviso per il numero degli spettatori) quello di altri stadi più grandi e noti.

(La Redazione)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.