Corte diritti dell’uomo: la Slovacchia non ha indagato su presunti abusi della polizia su un ragazzo rom

polizia slovacca

La Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) ha deciso che la magistratura slovacca non ha indagato a sufficienza sul caso che nel 2010 avrebbe visto agenti di polizia slovacchi compiere atti di abuso e violenza contro un ragazzo rom sedicenne. Il fatto si sarebbe verificato in una stazione di polizia nei pressi di Kosice. Il 27 luglio scorso la CEDU ha raggiunto il verdetto, nel quale si accusano gli organi inquirenti slovacchi di non avere correttamente indagato la questione, il che comporta una grave violazione dei diritti dell’uomo.

Il 18 dicembre 2010 il ragazzo rom fu fermato dalla polizia insieme ad altre due persone perché sospettato di aver aggredito un ragazzo di 12 anni e di avergli rubato il telefono cellulare. Secondo la testimonianza del ragazzo, che si è svolte durante la notte alla stazione di polizia per ben 13 ore, gli agenti di polizia hanno sottoposto i sospetti a intimidazioni mentali e fisiche, al fine di forzare una confessione. Il ragazzo sarebbe stato picchiato con pugni e palme, causandogli lesioni che hanno richiesto una settimana di degenza. Inoltre, i ragazzi non hanno potuto sedersi o sdraiarsi per tutta tutta la notte ed è stato negato loro cibo e acqua.

Il ragazzo, rappresentato da sua madre, ha presentato nel gennaio 2011 una denuncia che venne respinta in quanto non documentata. Lo stesso accadde con la denuncia all’ufficio del procuratore militare, alla Procura generale e alla Corte Costituzionale.

La CEDU ha criticato il fatto che invece di indagare sulle accuse della presunta vittima, gli ispettori abbiano spostato l’onere della prova sul denunciante e non sia stata fatta alcuna indagine nelle diverse testimonianze sulle lesioni che il ragazzo ha detto di aver sofferto nel pestaggio della polizia.

(Red)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.