Il partito #Siet cambia tutto: nuovo leader e probabile fusione con Most-Hid

siet-brecely_(siet.sk)

Sabato 13 agosto il congresso del più piccolo partito della coalizione di governo, #Siet, ha visto un epilogo non preventivato. È infatti stato eletto a presidente del partito il ministro dei Trasporti, Edilizia e Sviluppo regionale Roman Brecely, unico membro del governo a far capo a #Siet, malgrado egli non fosse candidato, e apparentemente non sembrava avere nessuna voglia di prendersi questa responsabilità. Brecely, che ha servito da ministro quasi cinque mesi, è stato candidato all’ultimo minuto, dopo che un gruppo di cinque deputati ribelli del partito ha abbandonato il congresso accusando il fondatore ed ex leader Radoslav Procházka non aver rispettato gli accordi presi con la fazione dissidente. I cinque hanno poi deciso di aderire al gruppo parlamentare del partito di destra moderata Most-Hid.

Dopo alcuni giorni di riflessioni, Brecely ha poi deciso di lasciare la poltrona ministeriale, e lavorerà presumibilmente per la fusione di #Siet con un altro partito della coalizione – quasi certamente il partito Most-Hid, nato alcuni anni fa per rivolgersi all’elettorato di etnia ungherese, vale a dire circa un decimo della popolazione, ma che ha nel suo programma politico temi che possono interessare una più vasta compagine di elettori moderati. In questo modo, #Siet probabilmente batterà in questo modo tutti i record come il partito dalla vita più breve sulla scena politica slovacca.

Dopo questo rimescolamento, che ha lasciato nei ranghi di #Siet solo due deputati, l’ex leader Prochazka e Alena Basistova (Brecely non è membro del Parlamento), Bela Bugar ha chiesto di assegnare a Most-Hid la sedia di ministro dei Trasporti, oltre a tutti i posti di segretario di Stato occupati da membri di #Siet. Ora il gruppo parlamentare di Most-Hid è composto di 15 membri, stesso numero dell’altro partito della coalizione, SNS. Mentre Smer-SD rimane con i suoi originali 49 deputati.

La situazione attuale di #Siet non è una sorpresa per diversi osservatori, che da tempo facevano notare come il partito, da cui ci si attendevano grandi cose prima delle elezioni e che ha invece ottenuto appena poco più del 5% necessario ad entrare in Parlamento (con dieci deputati), era ormai un partito “soltanto sulla carta”, senza un reale appeal sugli elettori, né vero potere all’interno del governo, e anche con diversi problemi finanziari da risolvere. Dei dieci parlamentari originari, tre sono usciti quando Prochazka ha deciso in marzo di unirsi in un raggruppamento di governo ai socialdemocratici di Smer-SD, una formazione contro la quale era stata impostata tutta la campagna elettorale di #Siet. Questo ha impedito al partito di costituire un proprio gruppo parlamentare, per il quale sono necessari almeno otto membri. Gli altri cinque deputati, tra i quali il vice presidente del Parlamento Andrej Hrnciar, hanno abbandonato recentemente in polemica con i metodi autoritari di Prochazka, non ritenuto adatto a guidare un partito.

Quanto al futuro di Prochazka, che è avvocato, secondo il sito pluska.sk sarebbe candidato come nuovo giudice supplente per la Slovacchia alla Corte di giustizia dell’Unione europea a Lussemburgo. Se venisse eletto lascierebbe il suo posto in Parlamento al primo dei non eletti di #Siet.

Curioso, per un partito il cui nome significa “Rete”, “Network”, che il problema maggiore – addebitato in gran parte a Prochazka – sia stato proprio quello di non essere riuscito a fare “rete”. Prochazka lo aveva creato nell’aprile 2014, un mese dopo aver raggiunto il terzo posto nelle elezioni presidenziali, ed era ritenuto poter diventare il futuro leader della destra slovacca, da sempre piuttosto frazionata. Il gradimento di #Siet nei sondaggi elettorali, dopo il 5,6% del 5 marzo, è andato sempre in calando, e ora staziona a poco più dell’1%, un valore del tutto insufficiente per un qualunque futuro politico.

(La Redazione)

_
Foto siet.sk

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google