Deputato Simon: voglio un referendum per indire elezioni anticipate

elezioni_fotointernet

Il deputato indipendente Szolt Simon, che ha lasciato recentemente il gruppo parlamentare del partito Most-Hid perché contrario a una coalizione con i socialdemocratici di Smer, sta lavorando a una petizione popolare per ottenere un referendum che richieda l’indizione di elezioni anticipate. Secondo lui, la gente è sufficientemente arrabbiata e delusa dai risultati delle elezioni del 5 marzo che «penso proprio che non vogliano tenersi questo governo per l’intera legislatura» di quattro anni, ha detto Simon venerdì al settimanale .tyzden, secondo quanto riporta Tasr, sottolineando che questo sarà «il secondo referendum» che raggiungerà il quorum nella storia della Slovacchia. L’altro – l’unico finora valido per il raggiungimento del quorum minimo (il 50% più uno degli aventi diritto) – fu la consultazione del 2003 sull’adesione del Paese all’Unione europea. Altri otto referendum indetti in 23 anni di indipendenza sono invece stati invalidati a causa della bassa affluenza.

Secondo il sociologo Martin Slosiarik di Focus, è difficile che un referendum per le elezioni anticipate possa avere successo, ma con una buona organizzazione è possibile che il deputato riesca a farcela a raccogliere le 350.000 firme necessarie per chiedere il plebiscito.

(Red)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.