L’altra faccia del progresso

morozov_(chathamhouse-cc-by)

Evgeny Morozov è uno dei più lucidi oppositori di quello che si potrebbe chiamare ottimismo digitale, l’idea cioè che la rivoluzione tecnologica renderà il mondo un posto migliore. Nel libro Silicon valley: i signori del silicio (Codice, 2016, 152 pagine, 13 euro) fa capire particolarmente bene che non esiste alcuna contraddizione tra lo sviluppo del capitalismo finanziario e neoliberista e la tecnologia della condivisione e dei social network.

Si tratta di due facce della stessa medaglia. Non è quindi possibile, come pensano in molti, che la seconda possa mitigare gli effetti del primo. Peggio: distratti dalle possibilità di svago che ci offrono le nuove tecnologie, non ci rendiamo conto del peggioramento causato dal cambiamento economico e dalla concentrazione della ricchezza. Al centro delle sue critiche è soprattutto la sharing economy.

Da un lato, secondo Mozorov, l’economia della condivisione non sostituirà quella del debito ma ci convivrà, consentendo, grazie al traffico d’informazioni che genera, di estendere ulteriormente il credito a chi finora ne è rimasto escluso. Dall’altro, se mettere la propria casa su Airbnb o guidare per Uber significa diventare imprenditori, «si tratta dello stesso livello di imprenditorialità di chi si dedica alla prostituzione o a vendere parti del proprio corpo perché non ha i soldi per pagare l’affitto».

(Giuliano Milani, storico, via Internazionale.it)

_
Nota: di Morozov è molto noto il libro L’ingenuità della rete. Il lato oscuro della libertà di internet (Codice, 2011, 360 pag., 22,95 euro).

_
Foto: Chatham House cc-by 2.0

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google