Il fallimento del multiculturalismo

islam-londra_(StefZ-nc-nd) multic

Il multiculturalismo, così come l’Europa lo ha pensato e applicato negli ultimi decenni, ha fallito. È questa la tesi che Kenan Malik, filosofo britannico di origine indiana, sviluppa nel suo breve saggio “Il multiculturalismo e i suoi critici – Ripensare la diversità dopo l’11 settembre”, tradotto e pubblicato in Italia (maggio 2016) da Nessun Dogma. Il tema, in questo sanguinario periodo di attacchi terroristici sferrati al cuore laico dell’Europa, è di estrema attenzione e assume il carattere dell’urgenza.

Malik fornisce una chiave di lettura tutt’altro che banale delle politiche europee che, nel nome dell’integrazione sociale e del rispetto della diversità, hanno generato risultati agli antipodi di quelli voluti o quanto meno dichiarati. Come scrive lui stesso nell’introduzione, «Questo libro è una critica al multiculturalismo. È anche una critica ai suoi critici».

Naturalmente bisogna prima intendersi sui termini. E cioè su cosa si intenda per multiculturalismo e cosa per il suo contrario, due categorie di pensiero strettamente connesse a quelle di appartenenza politica. L’idea multiculturale, abbracciata dalla sinistra europea, promuove le iniziative mirate a gestire la diversità definendo e rispettando i bisogni e i diritti di ognuno. Ma ciò secondo l’autore porta necessariamente a inserire le persone in contenitori etnici e a rafforzarne i confini, siano essi fisici o culturali, anziché abolirli.

In altri termini, riconoscere in un sistema legislativo la diversità di un gruppo di persone significa non solo rimarcarla, ma addirittura consolidarla. I detrattori del multiculturalismo, rappresentati politicamente dalla destra più radicale, sono invece quelli che intravedono nella mescolanza di culture, ossia nei fenomeni migratori, un attacco ai valori occidentali, concetto ben stigmatizzato da quella presunta “guerra di civiltà” diventata argomento portante in seguito al perpetuarsi di attentati terroristici di matrice islamica in Europa. Sono cioè i razzisti di oggi, che nascondono la loro intolleranza dietro a inesistenti pericoli di colonizzazione europea da parte dell’Islam.

Continua a leggere su MicroMega

_
Foto: Londra, 2006 – StefZ cc-by-nc-nd
Foto: Parigi, 2010 – zoetnet cc-by

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google