Continuano i problemi di disponibilità per certi medicinali, il ministero studia rimedi

medicine_(sdickter CC-BY-ND)

Il ministero della Salute sta preparando un progetto di modifica alla legge sui medicinali, che ha già superato un primo esame interdipartimentale, per porre rimedio alla scarsa disponibilità di alcuni medicinali nelle farmacie e alla conseguente impossibilità per i pazienti di curarsi correttamente per un certo numero di malattie. La proposta del ministero tende a limitare al massimo la riesportazione dei farmaci, una pratica piuttosto comune tra i distributori nazionali, che preferiscono esportare certi prodotti su mercati dove vengono pagati più profumatamente – come ad esempio la Germania – piuttosto che tenere correttamente rifornite le farmacie del paese.

Il ministero informa che si tratta di farmaci che vengono rimborsati dall’assicurazione sanitaria pubblica, e l’emendamento ha anche lo scopo di evitare una multa dalla Commissione europea che ha già avviato un procedimento contro la Slovacchia per la violazione dei trattati UE.

Il progetto di legge rinforza la responsabilità del titolare della registrazione del medicinale, anziché del distributore, per garantire la disponibilità del prodotto nelle farmacie e negli ospedali. Il titolare avrà autorità legale per regolare la distribuzione del medicinale fino a quando non viene somministrato in una farmacia. E in caso di carenza di un farmaco classificato potrà essere multato con una sanzione da 100mila fino a un milione di euro. Con la modifica saranno solo i produttori farmaceutici ad essere autorizzati ad esportare i medicinali in oggetto, coperti totalmente o in parte dall’assicurazione sanitaria pubblica, e non più le aziende di distribuzione.

Lo scorso anno dalla Slovacchia sono stati esportati medicinali per 280 milioni di euro. Il prezzo dei farmaci in Slovacchia è tra i più bassi dell’UE. Si calcola che il problema riguardava almeno 130 di questi farmaci, in particolare quelli più costosi destinati alla cura di infermità come epilessia, schizofrenia, morbo di Parkinson, o farmaci multipli per i tumori e la prevenzione della formazione di coaguli di sangue. Tutte queste medicine, ovviamente, venivano a mancare per i pazienti slovacchi, ma un problema simile si registra anche in Repubblica Ceca e altri paesi europei.

(La Redazione)

__
Foto sdicker CC-BY-ND 2.0

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google