Nuovo orrore in Francia, strage nella notte a Nizza. Almeno 84 i morti

Ieri sera un camion ha investito la folla radunata sulla Promenade des Anglais per vedere i fuochi artificiali della festa nazionale del 14 luglio. I morti sono almeno 84 e un centinaio i feriti. Diciotto sono in condizioni gravi. L’autista del camion, che avrebbe guidato a zig zag sul lungomare per falciare quante più persone possibili, è stato ucciso dalla polizia. Si tratterebbe di un franco-tunisino di 31 anni residente in città. Non c’è stata nessuna rivendicazione, ma il presidente François Hollande ha parlato di un attacco a carattere terroristico. Inoltre ha annunciato un rafforzamento delle operazioni francesi in Iraq e in Siria. Tra le vittime potrebbero esserci degli stranieri. Dopo l’attacco a Nizza il presidente Hollande ha prolungato fino a ottobre lo stato d’emergenza nel paese, che avrebbe dovuto concludersi tra pochi giorni. (Red/Internazionale.it)

nizza-francia-14luglio

La Francia ancora al centro degli attentati terroristici. Un camion ha travolto decine di persone riunite per festeggiare il 14 luglio. La Promenade des Anglais, il lungomare di Nizza, era gremito di persone che stavano assistendo ai fuochi d’artificio, classico spettacolo per celebrare il 14 luglio, la festa nazionale francese. Erano le 22,30 quando un camion si è abbattuto sulla folla, procedendo a zig zag per mietere il maggior numero di vittime possibili.

Nel frattempo l’autista ha esploso colpi di mitra. Secondo un testimone – ma mancano conferme da parte degli inquirenti – dal camion sarebbero scesi tre uomini armati che avrebbero continuato a sparare. L’attentatore, riportano le autorità, è stato ucciso dalle forze di polizia. Non è ancora stata resa nota l’identità, ma, scrive il Guardian, secondo una fonte della polizia sarebbe un franco-tunisino di 31 anni.

Al momento le vittime accertate sono 84, numero destinato ad aumentare perché ci sono feriti in condizioni gravi. Il loro numero è ancora impreciso.

All’interno del camion sono state trovate armi pesanti, ha detto il presidente della Regione di Nizza, Christian Estrosi. Gli inquirenti stanno vagliando ogni ipotesi, inclusa quella secondo cui l’uomo, già noto alle forze dell’ordine per crimini violenti, non avrebbe agito da solo. Lo stato di emergenza, attivato dopo gli attentati di novembre e che sarebbe dovuto rientrare il 26 luglio, è stato esteso dal presidente Hollande per altri tre mesi.

Decine i corpi rimasti sulla strada e panico generale tra i superstiti.

Leggi anche su Internazionale.it:

Cosa sappiamo dell’attentato a Nizza

L’attentato non è stato ancora rivendicato. La Francia è stata colpita nel giorno simbolico in cui festeggia se stessa, dopo la fine degli Europei, contando probabilmente su un rilassamento indotto dell’intelligence.

La Farnesina si è attivata per scongiurare la presenza di italiani fra le vittime mentre il ministro Alfano ha imposto un rafforzamento dei controlli al confine italo-francese.

Leggi anche su La Stampa:

84 morti e 100 feriti: “Tutta la Francia minacciata”, l’orrore del risveglio di Nizza

La solidarietà dei francesi è stata immediata. Hotel trasformati in ospedali da campo, taxi che hanno fatto da navetta gratuita alle persone che si stavano allontanando dal luogo della strage e, tramite l’hashtag #PortesOuvertesNice i cittadini comunicano su Twitter la disponibilità ad ospitare e soccorrere chi si trova in difficoltà. Facebook ha attivato il Safety Check.

(Giuditta Mosca, Wired.it cc-by-nc-nd)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google