Radicova: impossibile risolvere lo stato del deficit in un solo bilancio

«Il cattivo stato delle finanze pubbliche in Slovacchia», ha detto il Premier Iveta Radicova ieri prima del Consiglio dei Ministri, «è provato dal fatto che abbiamo dovuto spalmare i provvedimenti di tagli e risparmi su tre anni. Se avessimo voluto risolvere tutto in un anno nessun Paese, compresa la Slovacchia, avrebbe potuto resistere».

I rappresentanti dei partiti della coalizione (SDKU-DS, SaS, KDH e Most-Hid) hanno concordato Martedì che il previsto risanamento del deficit del 2,5% del PIL raggiungerà nel 2011 i 980 milioni di euro, ovvero l’1,4% del PIL, in risparmi di spesa, mentre 770 milioni, cioè l’1,1% del PIL, sarà corretto con maggiori entrate.

«Il bilancio è pronto, è stata una delle decisioni più difficili. Con le misure di risparmio adottate riusciremo nel 2011 a raggiungere un disavanzo del 4,5% del PIL. Questo però non basta, i sacrifici saranno necessari anche in seguito», ha detto la Radicova.

Nonostante i tagli in numerosi settori, la Coalizione ha deciso di raccogliere fondi per, ad esempio, la costruzione di autostrade, le questioni sociali, le misure anti-alluvione e l’istruzione.

I 980 milioni attesi di risparmio della spesa pubblica arriveranno in particolare da tagli alla spesa per gli stipendi, tagli nei costi operativi delle autorità statali e un arresto «allo sperpero di fondi pubblici attraverso gli ordini dell’Amministrazione statale». Il risparmio sarà effettuato in maniera tale da ridurre al minimo l’impatto sui gruppi sociali più vulnerabili.

«Le prestazioni in materia di politica familiare non saranno toccate. Al contrario, in quest’area sono stati stanziati maggiori fondi. Abbiamo anche aumentato i soldi per il sostegno dell’occupazione, in quanto la sua crescita è tra le priorità di questo Governo», ha aggiunto.

(Fonte TASR)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*