Antonella Ruggiero, tripudio di pubblico per il concerto a Bratislava

ruggiero_(R.Baranovic-IIC)_005

Il 30 giugno presso l’Auditorium della Radio Nazionale Slovacca si è tenuto il concerto della cantante italiana Antonella Ruggiero, accompagnata da Roberto Colombo a synth bass e vocoder e dal tastierista Mark Harris. Il concerto è stato organizzato dall’Istituto Italiano di Cultura di Bratislava a conclusione della nona edizione del Festival Dolce Vitaj, festival interamente dedicato alla promozione della cultura e dell’arte italiana in Slovacchia. Il Dolce Vitaj, che si è svolto nella capitale slovacca per l’intero mese di giugno, ha visto un attivo coinvolgimento del pubblico slovacco e italiano residente a Bratislava e si è concluso con il magnifico concerto della Ruggiero che ha letteralmente incantato i presenti con la sua straordinaria voce.

La Ruggiero, protagonista del panorama musicale italiano da oltre trent’anni, inizia la carriera musicale assieme allo storico gruppo Matia Bazar, da lei fondato e con il quale nel 1978 ha vinto il Festival di Sanremo. Nel 1989 decide di intraprendere una carriera da solista e di viaggiare alla scoperta di generi musicali appartenenti ad altre culture; comincia così un periodo di intensa sperimentazione in cui la cantante, grazie all’estensione vocale e alla grande versatilità che la contraddistinguono, si cimenta in un variegato repertorio musicale. La Ruggiero, infatti, negli anni, si è dedicata a un vastissimo assortimento di generi: dalla musica pop alla musica lirica, passando per il jazz, la musica popolare, classica e contemporanea. Nell’ultimo decennio, inoltre, come ha dichiarato nell’intervista all’IIC di Bratislava, si è avvicinata ad ulteriori generi musicali come il tango argentino, il fado portoghese, i canti della tradizione ebraica, il canto popolare e la musica etnica.

ruggiero_(R.Baranovic-IIC)_007

Anche il concerto di Bratislava si è svolto all’insegna dell’eclettismo: un vero e proprio «concerto versatile» che si è aperto con il brano “Stasera, che sera”, primo singolo del gruppo Matia Bazar, uscito nel marzo del 1975. Tale brano ha anticipato la pubblicazione dell’album di esordio del gruppo pop italiano, intitolato “Matia Bazar 1” e uscito nel 1976, contenente, tra gli altri, i celebri pezzi “Per un’ora d’amore” e “Cavallo bianco” che sono stati, anch’essi, protagonisti della serata musicale che ha conquistato i cuori del pubblico della Radio Slovacca.

Immancabile nella scaletta del 30 giugno anche il pezzo “Amore lontanissimo”, composto dalla Ruggiero insieme al marito, il grandissimo musicista e produttore Roberto Colombo, che ha segnato l’inizio della carriera solista di Antonella e si è aggiudicato il secondo posto al Festival di Sanremo del 1988 nonché il Premio della Critica per il migliore arrangiamento. Ad arricchire la versatilità del concerto di Bratislava, la presenza di brani che hanno fatto la storia della musica italiana come quelli scritti da Fabrizio De Andrè  (“La canzone dell’amore perduto”) e Gorni Kramer (“Crapa Pelada”).

ruggiero_(R.Baranovic-IIC)_008

Nel 1996 la Ruggiero ha pubblicato l’album “Libera”, primo album da solista della cantante e prodotto da Roberto Colombo, risultato dell’incontro tra cultura musicale orientale e occidentale mentre è del 2004 l’album “Sacrarmonia Live (Il viaggio)”, antologia musicale di brani appartenenti alla tradizione sacra e popolare di tutto il mondo interpretati dalla cantante italiana. Tra i pezzi più celebri di questa raccolta, nel concerto di Bratislava sono stati presentati “Aria sulla IV corda” di J. S. Bach, “Kyrie” da Missa Luba, “Guantanamera” e “La danza – tum hi shiva”, pezzo ispirato alla musica tradizionale indiana, composto da Ruggiero, Colombo e Fossati, e frutto di un viaggio in India dell’artista volto alla scoperta della musica locale.

A chiudere il concerto alcuni dei brani più celebri del repertorio dei Matia Bazar, come “Vacanze romane”, “Ti sento” e “C’è tutto un mondo intorno”.

ruggiero_(R.Baranovic-IIC)_006

Se nell’intervista rilasciata all’IIC la cantante auspicava la creazione di «una bella alchimia» con il pubblico slovacco, ciò è senza dubbio avvenuto. Il pubblico di Bratislava ha apprezzato il concerto divertendosi ed emozionandosi sulle note dei più svariati generi musicali, interpretati dalla voce unica della Ruggiero accompagnata da due musicisti di altrettanto valore, e ha salutato gli artisti con tre lunghe e meritate standing ovations.

Conoscere i tre artisti al di fuori del palco è stata una vera sorpresa: Antonella Ruggiero, Roberto Colombo e Mark Harris, oltre ad essere degli artisti straordinari, si sono mostrati accoglienti, gentili e spontanei, il che conferma ulteriormente la loro grandezza.

(Arianna Pancotti)

__
Foto R.Baranovic/IIC Bratislava

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google