Approvato oggi dal gabinetto il programma finale della Presidenza alovacca dell’UE

sk-eu_(pietro_f) Sk UE EU

Oggi nel corso del consiglio dei ministri è stato approvato il documento finale con le priorità della Presidenza della Slovacchia del Consiglio dell’UE che inizierà domani 1 luglio. Il governo ha aspettato a farlo all’ultimo minuto in modo da poter inserire nella strategia del governo anche una risposta al risultato del referendum nel Regno Unito che sette giorni fa ha decretato l’uscita del paese dall’Unione europea.

I quattro punti di attenzione prioritaria dell’azione slovacca nel corso del prossimo semestre sono stati approvati nel febbraio scorso. Si tratta di:

– crescita economica, con un approccio più determinato nella creazione di un vero mercato unico rimuovendo gli ostacoli nei settori dell’economia digitale, nell’ottica di arrivare al Mercato Unico Digitale senza dimenticare la protezione dei consumatori, e una integrazione fiscale più efficace.

– creazione dell’Unione energetica, per garantire a tutti i cittadini UE energia pulita a costi sostenibili.

– politiche migratorie e di asilo più sostenibili, e una maggiore protezione delle frontiere esterne dell’UE, ripristinando i controlli ai bordi dell’area Schengen e aumentando la cooperazione con i paesi terzi per favorire la migrazione legale.

– l’impegno globale della UE, la sua politica di vicinato e di allargamento, e insieme la costruzione di una Unione europea più forte e rispettata sulla scena mondiale.

La Slovacchia si troverà, gestendo la presidenza di turno, al centro della creazione legislativa europea e nel ruolo di principale negoziatore con la Commissione europea e il Parlamento europeo.

Il documento approvato, presentato dal ministro degli Affari esteri ed Europei Miroslav Lajcak, delinea tre parti principali dell’azione della Presidenza: il quadro politico nel quale si muoverà la Presidenza slovacca, le priorità già stabilite per la Presidenza della Slovacchia e la visione degli slovacchi delle diverse agende nei singoli settori di interesse dell’Unione europea.

La situazione politica che aspetta il semestre di presidenza slovacco, ammette il comunicato emesso dall’esecutivo, è «piuttosto turbolenta». Il Regno Unito ha deciso di lasciare l’Unione europea e «questo argomento sarà presente in tutti i negoziati durante la nostra Presidenza». Il ministro Lajcak sostiene necessario l’affrontare «il fatto che l’idea europea sta perdendo popolarità tra i cittadini dell’UE». Il primo ministro slovacco Fico ha più volte ribadito che durante la sua presidenza il suo governo intende «svolgere un ruolo di mediatore onesto». Una manifestazione concreta di questo approccio, indica la nota governativa, «è la riunione informale di settembre dei leader dei 27 paesi dell’Unione europea a Bratislava, dove si parlerà dello sviluppo della UE dopo l’addio del Regno Unito».

(Red)

__
Foto Pietro Ferreira cc-by-nc-nd

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

ARCHIVIO

pubblicità google