SaS e Most-Hid rifiutano di rimuovere i loro Sottosegretari

Per quanto riguarda il caso della Hayek Consulting, di cui abbiamo dato conto ieri, in serata era previsto un Consiglio di Coalizione dove si sarebbe dovuto decidere come procedere, con il Premier Iveta Radicova intenzionata a chiedere le teste dei due Sottosegretari del suo Governo implicati in casi di appalti non chiari.

Secondo i rappresentantidi del partito Most-Hid non c’era alcun bisogno di difendere il Sottosegretario ai Trasporti Ivan Svejna, perché non ha fatto nulla di male, ha detto il presidente del partito Bela Bugar prima della seduta del Consiglio. La sua opinione è condivisa dal Ministro della Cultura Daniel Krajcer (SaS) per quanto concerne il comportamento dell’altro Segretario di Stato all’Economia, Martin Chren (SaS). «La mia posizione è chiara: non c’è stata alcuna violazione della legge. È tutto molto limpido», ha detto Krajcer a nome del partito.

Il Primo Ministro Radicova va però sostenendo che c’è una situazione di conflitto d’interessi (i due lavoravano per la società Hayek Consulting fino alle elezioni, e subito dopo la Hayek ha vinto gare pubbliche in modo per i media non trasparente.

Il presidente di SaS, Richard Sulik, non ha preso parte alla seduta perchè era (volutamente?) all’estero, ma aveva già fatto sapere che lui considerata il caso Hayek una partita chiusa. In effetti, scrive il giornale Sme di oggi, Sulik era a Praga Lunedì in visita ufficiale, poi ha deciso di prolungare il viaggio di un altro giorno in via privata, senza specificarne le ragioni, mandando a casa l’auto blu con autista. Sulik aveva detto alla Radicova che SaS non ravvisa alcun motivo valido per rimuovere Chren dal suo incarico.

Nel frattempo il leader dell’opposizione Robert Fico (Smer-SD) avvertiva il Premier Iveta Radicova (SDKU-DS) che, se si piega alla volontà dei partiti sul caso Hayek, mostrerà di non avere una posizione di forza nella Coalizione. Fico ha detto ieri che se i due Segretari di Stato Martin Chren (SaS) e Ivan Svejna (Most-Hid) rimangono ai loro posti, lo Smer considererà la Radicova «solo come il portavoce del guazzabuglio di destra». L’ex Premier ha detto che il Consiglio di Coalizione di ieri avrebbe mostrato se la First Lady slovacca è una «rammollita» oppure se è sicura del suo potere e in grado di usarlo

(Fonte TASR)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.