L’intelligenza meccanica potrà mai sostituire quella umana?

intellig-artif_(geralt-746550-CC0)

L’intelligenza artificiale è arrivata ormai a un punto evolutivo davvero importante: si sta avvicinando sempre più a quella umana. I robot stanno prendendo posto in molte mansioni tradizionali che prima venivano svolte dall’uomo con lo stesso grado di inventiva.

Tutto ciò era già stato previsto da Eric Schmidt e dal presidente di Google, quando dichiararono in occasione di una conferenza che il progresso tecnologico è più veloce di quanto pensiamo e che presto i robot ce li saremmo ritrovati nella vita di tutti i giorni. Proprio il governo statunitense ben presto inserirà negli aeroporti e nelle frontiere degli automi capaci d’intuire le emozioni umane, in modo tale da poter controllare più accuratamente le persone che entreranno negli Stati Uniti, soprattutto quando saranno sottoposte a interrogatori. Il robot, dal nome Embodied Avatar Kiosk, sarà in grado di azzeccare al 94% se le persone mentono o dicono la verità di fronte alle domande che saranno poste dagli agenti di Polizia.

Una cosa è certa, che le macchine stanno acquisendo sempre più intelligenza, subentrando in molteplici lavori in cui si richiede un certo grado di responsabilità; esse andranno a sostituire figure come gli addetti alle selezione di risorse umane, agenti di marketing e addetti alla sicurezza. Gli studiosi, inoltre, hanno immagazzinato tutte le caratteristiche di una mente completamente artificiale in un algoritmo capace di comprendere tutte le connessioni mentali di un essere umano e addirittura di poter sentire le emozioni e i sentimenti che si provano.

Questo avanzamento tecnologico non darà sicuramente nuovi lavori e opportunità all’attuale specie umana. Di fatti, l’Oxford Martin Programme dell’Università di Oxford ha effettuato uno studio in cui è stato indicato il 47% delle professioni che andranno a diminuire notevolmente durante i prossimi anni. La disoccupazione, quindi, sarà sempre in aumento ed entro il 2020 ci saranno 5 milioni di lavoratori che dovranno lasciare il proprio posto di lavoro alle macchine artificiali.

(Emanuele Maugeri, vocidicitta.it)

__
Foto geralt/CC0

1 comment to L’intelligenza meccanica potrà mai sostituire quella umana?

  • Filippo83

    Ma sarà davvero così? Finora le macchine hanno sostituito gli uomini in tantissime mansioni, negli ultimi 250 anni. Siamo sempre riusciti a sfruttare le nuove opportunità, senza farci mettere all’angolo dai nuovi problemi. Ci riusciremo anche nei prossimi decenni? Credo che sia questa la vera domanda da porsi.

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

ARCHIVIO

pubblicità google