Sindacati pronti ad azioni di protesta contro gli aumenti fiscali

I sindacalisti intenderebbero organizzare proteste contro gli aumenti delle tasse che il Governo sta pensando di introdurre, e in una riunione la Confederazione dei sindacati del lavoro (KOZ) deciderà oggi quale tipo di protesta realizzare. La riunione del Tripartito di ieri (con rappresentanti di Governo, lavoratori e datori di lavoro) non ha infatto portato a nessun accordo, dunque i provvedimenti per il consolidamento delle finanze pubbliche saranno trasmesse ai Ministri senza alcun cambiamento, e tra le misure vi sono aumenti dell’imposizione.

«I sindacati sono in forte disaccordo con le misure proposte. Tocca ai dirigenti ora decidere quali azioni prenderà la Confederazione», ha detto il vicepresidente di KOZ Vladimir Mojs dopo la seduta del Tripartito. Il responsabile dell’Unione del Lavoro KOVO, Emil Machyna, ha aggiunto che le prossime misure addosseranno un onere inaccettabile per la gente comune. «È ingiusto che le persone siano colpite più delle imprese», ha detto.

L’Unione repubblicana dei datori di lavoro, tramite il suo presidente Marian Jusko, critica la reazione dei sindacalisti. «È necessario fare qualcosa con l’attuale situazione finanziaria. Penso che la reazione dei sindacalisti è troppo di parte. Essi non vogliono soffrire, ma anche noi imprenditori soffriamo», ha detto Jusko.

I rappresentanti dell’Unione del Lavoro si oppongono alla proposta di alzare l’aliquota IVA di un punto, dal 19 al 20%. E non è nemmeno d’accordo con l’aumento delle accise su birra e alcol, anche se non protesta contro quello del tabacco.

(Fonte TASR)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*