Viaggi dei parlamentari: cancellate le mete esotiche

Il Parlamento slovacco stringerà un po’ la cinghia per i viaggi all’estero dei suoi deputati, e valuterà ogni viaggio, scrive ieri il quotidiano SME. I membri della Commissione affari esteri, per esempio, hanno in programma visite verso mete esotiche come Cuba, Argentina o la Siria, e ai viaggi è stata data luce verde dalla Commissione nel termine elettorale precedente. Il nuovo presidente della Commissione, Frantisek Sebej (Most-Hid), ha cancellato questi viaggi con la motivazione che non ci sono soldi per questo tipo di turismo.

Secondo l’ex capo della Commissione Juraj Horvath (Smer-SD), Cuba era la destinazione numero uno per quanto concerne l’interesse dei parlamentari. Egli non ha escluso che la ragione di fondo dei viaggi poteva essere una vacanza di Stato, ma ha aggiunto che lui – come leader della delegazione – avrebbe avuto un fitto calendario di colloqui, piuttosto che passare il tempo libero in relax.

Sebej ha dichiarato che i parlamentari desiderosi di visitare Cuba volevano più probabilmente farsi il bagno nelle sue acque. Sebej ha detto che invece favorirà i Paesi limitrofi, nonché i Paesi che sono considerati importanti, lasciando i viaggi previsti per Regno Unito, Germania, Stati Uniti d’America e Georgia nella lista.

(Fonte SME)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*