Kiska con il presidente svizzero: “dobbiamo copiare da vostra leadership in ricerca e innovazione”

Kiska_Schneider-Ammann_(prezident.sk)

Ieri a Bratislava il presidente della Confederazione Svizzera Johann Schneider-Ammann ha incontrato diverse autorità slovacche, con le quali ha discusso in particolare di questioni di politica europea in vista della presidenza slovacca dell’UE che partirà tra dieci giorni esatti e del referendum britannico che si terrà giovedì, oltre ai temi bilaterali di cooperazione e sulle prospettive delle relazioni fra la Svizzera e l’Unione europea. Il consigliere federale ha incontrato per primo il presidente Andrej Kiska, che dopo il colloquio ha detto ai giornalisti che la Slovacchia si adopererà per mantenere durante la sua presidenza l’alto livello attuale delle relazioni tra UE e Svizzera, sottolineando l’alto grado di interconnessione esistente tra i due territori. Schneider-Ammann ha aggiunto che la collaborazione con l’Unione europea è di primaria importanza per la Svizzera per «raggiungere la stabilità nel continente».

Parlando della situazione della sicurezza nel continente europeo, Kiska ha ricordato che, sebbene la Slovacchia sia membro effettivo della Nato ormai da dodici anni, mentre la Svizzera ne è rimasta fuori collaborando con l’alleanza atlantica nel “Partenariato per la Pace”, «noi percepiamo le minacce alla sicurezza nello stesso modo, malgrado disponiamo di diverse garanzie di sicurezza». La Svizzera è un Paese neutrale, ma spende cinque volte in più e ha un esercito dieci volte più grande di quello della Slovacchia, ha osservato Kiska.

Un gruppo di imprenditori svizzeri che accompagnava la delegazione ha poi partecipato a un business forum bilaterale, aperto dai due capi di Stato, nel quale si è discusso di investimenti e opportunità di affari con i partner slovacchi allo scopo di intensificare la cooperazione economica bilaterale, che, ha notato Kiska, ha registrato nell’ultimo quinquennio un aumento dell’80% nel commercio bilaterale. Secondo Kiska la Svizzera sarebbe anche un ottimo esempio da seguire per la riforma del sistema di istruzione nazionale, e promuovere nuove opportunità di lavoro per i giovani, e quale uno dei leader globali nella ricerca e innovazione.

Il presidente svizzero si è poi visto con il primo ministro Robert Fico, il presidente del parlamento Andrej Danko, il ministro dell’Economia Peter Ziga (Smer-SD) e quello dell’Istruzione Peter Plavcan (SNS).

(Red)

Foto prezident.sk

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

ARCHIVIO

pubblicità google