In Polonia le più grandi manovre militari in Europa dell’Est dalla guerra fredda

nato-usa_(7armyjmtc_CC-BY)

È in corso in queste ore la più imponente esercitazione militare in Europa orientale dai tempi della guerra fredda. Le grandi manovre in Polonia dureranno una decina di giorni e coinvolgeranno 31mila soldati di 24 paesi della Nato e dei paesi partner, tra cui l’Ucraina. L’esercitazione rischia di far salire la tensione tra Mosca e Washington, che si accusano a vicenda di voler rafforzare la loro presenza militare in Europa.

Le esercitazioni “Anaconda”, che sono partite ieri e dureranno due settimane, un appuntamento che si tiene dal 2006 ogni due anni in tutta la Polonia, hanno lo scopo di «controllare la capacità dell’Alleanza di difendere il suo fianco orientale», ha detto il ministro della Difesa polacco Antoni Macierewicz alla cerimonia di apertura a Varsavia delle manovre.

Il grosso delle truppe è composto da 14.000 militari statunitensi e 12.000 polacchi, e saranno coinvolti circa 3.000 veicoli, 105 aerei e 12 navi da guerra. Partecipano anche le forze armate slovacche, con 108 soldati delle brigate meccanizzate e 34 membri della polizia militare. Secondo il capo di stato maggiore slovacco gen. Milan Maxim, una esercitazione internazionale di questa portata «testerà accuratamente la prontezza delle nostre truppe nello svolgere compiti in un ambiente internazionale».

nato_(7thArmyJMTC_cc-by)

Parallelamente ad “Anaconda”, sono in programma le manovre “Saber Strike”, che interessano Germania, Polonia, Paesi baltici, Romania e Bulgaria; le “Swift Response” prevedono invece l’arrivo di truppe USA aviotrasportate dal North Carolina in Polonia e la loro incursione anche nei paesi vicini, mentre con le esercitazioni navali “Baltops”, la fanteria di marina sbarcherà sulle coste polacche. Naturalmente, al ministero della Difesa polacco assicurano che «Queste esercitazioni rivestono carattere difensivo e costituiscono una risposta alle minacce del mondo moderno».

Queste esercitazioni si svolgono appena un mese prima del prossimo vertice Nato di Varsavia e poche settimane dopo l’inaugurazione in Romania del nuovo scudo antimissile Nato destinato a proteggere l’Europa, insieme a una seconda batteria che sarà installata in Polonia, da eventuali attacchi missilistici da Oriente.

armi-nato_guerra_(usnavy CC-BY)

(Red)

___
Foto 7armyjmtc cc-by-2.0, US Navy cc-by-2.0

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

ARCHIVIO

pubblicità google