Il governo considera aiuti al turismo. Brecely: dalle terme voglio il 4% del PIL

brecely_(FB_ministerstvo.dopravy)

Il programma del governo annovera, nella sezione dedicata al comparto del turismo, la possibilità di introdurre agevolazioni fiscali e stimoli speciali per lo sviluppo del settore termale, che rientra tra gli obiettivi di promozione turistica della coalizione che sostiene l’esecutivo. Per aumentare la competitività del turismo, e crearvi nuove opportunità di lavoro, il gabinetto «valuterà la possibilità di adottare forme più flessibili in materia, considerando il carattere stagionale del settore turismo», si legge nel programma approvato dal Parlamento a fine aprile.

Per uno sviluppo ulteriore delle opportunità turistiche rientrano anche i trasporti, a livello sia nazionale che regionale, e il settore dei viaggi in una selezione di località considerate «attraenti dal punto di vista del turismo». L’esecutivo si impegna a migliorare il coordinamento tra operatori ferroviari, compagnie di trasporto pubblico su gomma e operatori turistici durante tutto l’arco dell’anno e su base stagionale.

La Presidenza slovacca dell’UE nella seconda metà di quest’anno dovrebbe servire, secondo il governo, per presentare il Paese come un luogo sicuro e attraente per i turisti, non solo per «aumentare il numero di turisti in arrivo, ma anche per estendere il tempo del loro soggiorno in Slovacchia».

Il turismo ha il potenziale, secondo il governo, di ridurre i divari economici e sociali tra le singole regioni. Per questo, è necessario favorire lo sviluppo di prodotti turistici ad alto valore aggiunto, facendo sì da capitalizzare al massimo la spesa dei turisti.

Alcuni giorni fa in una intervista all’agenzia Tasr il ministro dei Trasporti, Costruzioni e Sviluppo regionale Roman Brecely [#Siet], sotto il quale ricade anche il settore del turismo, ha detto che con i fondi europei si dovrebbe dare preferenza in particolare alla costruzione di infrastrutture, come piste ciclabili, percorsi turistici, resort sciistici e impianti per gli sport acquatici. Una volta create queste strutture, verranno dietro anche gli hotel e le strutture di accoglienza e ristoro, ha detto. Non vanno dimenticate ovviamente le strade, ferrovie e i collegamenti aerei, ha sottolineato. Parlando del turismo termale, già indicato nel programma del governo, ha detto che oggi le terme producono il 2,6% del PIL, ma lui vuole arrivare a farle fruttare almeno il 4%, grazie a agevolazioni e promozione del settore.

(Red)

__
Foto: ministro Brecely – FB/ministerstvo.dopravy

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

ARCHIVIO

pubblicità google