Referendum fallito: solo il 22% degli elettori è andato al voto

Il tanto atteso (e tanto ignorato) referendum si è tenuto Sabato 18 Settembre, con i seggi aperti dalle 7 del mattino alle 10 della sera. Era il settimo della storia recente della Slovacchia, ed è stato anche il quinto a fallire il raggiungimento del 50% degli aventi diritto. Considerando che un altro referendum era stato ritirato prima del voto, uno solo ha ricevuto in questi 18 anni di democrazia l’attenzione del pubblico, quello per l’ingresso della Slovacchia in Unione Europea.

L’affluenza ai seggi si è fermata al 22,8%, comunque un risultato non tanto male, considerando l’indifferenza alla cosa di gran parte dello spettro politico, il forte invito a non partecipare fatto dai due partiti di opposizione, che contano per un 40-45% dell’elettorato, e il sondaggio fatto pochi giorni fa dall’agenzia Focus che paventava una partecipazione sotto al 10%.

Su 4.369.553 elettori, sono stati 998.142 quelli che hanno voluto esprimere il loro parere sui sei quesiti tema del voto. Le schede valide erano 990.535, mentre 6.700 non erano valide e 907 non risultano, evidentemente sono state portate a casa dalla gente.

Il voto ha visto comunque il milione di partecipanti fortemente motivati a votare per il sì, con percentuali tra il 70 e il 95% dei votanti. Secondo l’Ufficio di Statistica slovacco la riduzione dell’immunità dei parlamentari è stato il tema più sentito (95,4% di sì) e subito dopo la riduzione del numero dei parlamentari da 150 a 100 (il 92,76% di loro). L’87,24 per cento degli elettori hanno votato per annullare i diritti di licenza dei media pubblici, e l’88,84% ha inteso porre un tetto ai costi delle limousine del Governo. L’appello per il voto online ha visto d’accordo il 70,46% dei votanti, mentre il 74,93% vuole una modifica alla legge sulla stampa, togliendo il diritto di replica ai funzionari pubblici.

Il referendum è costato 7,2 milioni di euro, con 720 persone assunte per elaborare i risultati e redigere fino 5.060 relativi protocolli. In totale 452 computer, 120 stampanti e due server di database sono stati utilizzati nel processo.

Questa è stata la settima votazione in Slovacchia negli ultimi 17 mesi. Nel 2009 ci fu il voto presidenziale (due turni), l’elezione del Parlamento Europeo e le elezioni dei VUC (le Regioniali, due turni). Quest’anno ci sono state le elezioni generali a Giugno e questo referendum ora. I cittadini slovacchi saranno prestissimo chiamati a votare di nuovo a Novembre, per le elezioni comunali su tutto il territorio nazionale.

(Fonte TASR, La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google