Nostalgia di casa per i rifugiati iracheni: due famiglie sono volute rientrare nel loro paese

immig-ungh_(borbenedek-21109930479-cc-by)

Un gruppo dei 149 rifugiati cristiani iracheni che sono stati accolti in Slovacchia lo scorso anno in via volontaria quale contributo alla crisi migratoria nell’UE è tornato a casa. 21 persone, soprattutto anziane, non si sentivano in grado di adattarsi alla loro nuova vita e hanno deciso di tornare in Iraq, nella zona di Mosul che lo scorso anno era stata presa dagli uomini dell’ISIS, non proprio teneri con i cristiani. Il ministero dell’Interno slovacco, che ha gestito il rimpatrio insieme all’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) ha parlato di ‘nostalgia di casa’, e di incapacitò di integrarsi nella cultura e mentalità della Slovacchia. Sarebbero stati gli anziani di due delle famiglie di richiedenti asilo a chiedere il rientro, e per solidarietà anche altri membri di quelle famiglie sono voluti tornare.

Quello slovacco non è un esempio unico. È successo, ad esempio, con un gruppo di rifugiati in Repubblica Ceca il mese scorso.

Il resto del drappello di rifugiati iracheni di religione cristiana continuano il loro processo di integrazione, ospitati ora in diverse strutture e famiglie nella zona di Nitra e nel territorio circostante, dove sono nella cura dell’associazione Pace e Bene e della diocesi di Nitra. Tutti hanno partecipato a corsi intensivi di lingua e cultura slovacca, alcuni degli adulti hanno ottenuto un posto di lavoro e i bambini sono stati accolti nelle scuole locali.

Il ministro degli Interni Robert Kalinak ha escluso per il momento di sostituire chi è rientrato con nuovi rifugiati. Tra le ragioni addotte vi è il grande lavoro dietro agli sforzi di integrazione e la pressione sull’associazione Pace e Bene che fin dal primo momento ha seguito il progetto insieme al ministero.

(Red)

__
Foto Bőr Benedek photo cc-by-2.0

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.