Ucraina: da Euromaidan allo spettro del fallimento arancione

Kiev,Maidan,novembre2013_(foto_EFeldman@wikimedia)

L’Ucraina ha un nuovo governo. Volodymyr Groysman ha incassato qualche giorni fa il voto di fiducia della Verkhovna Rada, formando la nuova squadra di ministri. L’apparente fine della crisi istituzionale che durava ormai da svariati mesi sembra però essere l’unica nota positiva a Kiev. Il nuovo governo si pone in chiara continuità con quello di Yatseniuk, poggerà su una maggioranza estremamente risicata e dovrà fare i conti con il crescente malcontento della popolazione.

Sulla orme di Viktor Yushenko

Ad uscire apparentemente rafforzato dal rimpasto di governo sembra il presidente, Petro Poroshenko. Volodymyr Groysman, infatti, è uno dei suoi uomini. Formatosi politicamente nella oblast’ di Vinnycja, all’età di 28 anni era diventato il più giovane governatore regionale, ma il vero exploit nella sua carriera politica è arrivato dopo la rivoluzione di Maidan, con la carica di speaker della Rada prima e quella di Primo ministro ora.

Questa vittoria di Poroshenko, però, potrebbe rivelarsi ben presto una vittoria di Pirro. Le grandi promesse fatte durante i mesi di protesta di due anni fa si sono dimostrate ampiamente disattese e il vento del cambiamento tanto atteso si è rivelato una placida bonaccia. La nuova classe politica che ha sostituito la “famiglia” dell’ex presidente Viktor Yanukovich ai vertici dello stato si è dimostrata, infatti, incapace o peggio ancora non disposta a trasformare radicalmente i vecchi schemi che hanno guidato l’approccio della classe dirigente ucraina dai tempi dell’indipendenza del paese. Pur cambiando gli attori, le vecchie regole del gioco sono rimaste immutate e a definire la composizione del governo sono, come di consueto, le relazioni tra la politica e il grande business. L’influenza dei gruppi di potere oligarchico sui processi politici è rimasto determinante e la nuova classe dirigente continua a mantenere un piede in due scarpe, con un occhio agli interessi degli “amici” e l’altro ai propri affari di bottega. Poroshenko, che durante la campagna elettorale aveva promesso di dismettere il proprio impero economico per dedicarsi esclusivamente agli affari dello stato, è rimasto di recente coinvolto nello scandalo dei Panama Papers e, non a caso, è stato uno dei pochi oligarchi ad aver aumentato il proprio patrimonio personale nel 2015. Assicurarsi la fedeltà del premier e spartirsi i ministeri con il Fronte Popolare di Yatseniuk potrà servire come una mossa tattica di breve periodo, ma il futuro del presidente sembra assomigliare maggiormente a quello del leader della Rivoluzione arancione, Viktor Yushenko, la cui credibilità politica è andata ad infrangersi contro i ripetuti fallimenti della sua presidenza.

Continua a leggere su Eastjournal.net

__
Foto Evgeny Feldman CC-BY-SA

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google