La storia di Markus Dubach, l’uomo che rischiò di farsi mangiare dal cannibale slovacco

il cannibale matej curko

Ha deciso di scrivere un libro sulla sua esperienza Markus Dubach, il cittadino svizzero che nel 2011 ha consentito alla polizia di fermare un pericoloso cannibale, lo slovacco Matej Curko. Lo svizzero aveva conosciuto il cannibale tramite internet dopo che, forse per scherzo, aveva scritto un post in un forum. L’uomo, che ha detto di aver subito atti di bullismo sul posto di lavoro e di aver pensato al suicidio, cercava qualcuno che lo mangiasse vivo. E il cannibale da casa sua in Slovacchia rispose.

«La mia offerta era stata pensata come uno scherzo, forse un po’ di cattivo gusto, ma uno scherzo», ha spiegato lo svizzero, che però per curiosità decise di parlare con Curko. Per diverse settimane i due si scambiarono messaggi su internet fino a quando il cannibale, un tecnico informatico 43enne sposato e con due figli, inviò a Dubach delle foto raccapriccianti che ritraevano parti di un corpo di donna che lui aveva già mangiato. A quel punto Dubach contattò la polizia svizzera che si mise in contatto con le autorità slovacche. Quelle immagini lo avevano sconvolto al punto tale da decidere di denunciare il cannibale e attirarlo in una trappola. Invece dell’uomo che “desiderava farsi mangiare” all’appuntamento col cannibale si presentò infatti la polizia.

Nella mappa i boschi di Kysak, nei pressi dell’autostrada tra Presov e Kosice nell’est della Slovacchia, dove il cannibale è stato fermato. Viveva a Sokol, a un tiro di schioppo da quest’area. (BS)

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Curko è stato ferito a morte in uno scontro a fuoco con gli agenti nel boschetto di Kysak. Da quanto emerso nel corso delle indagini, il cannibale viveva con la moglie e i figli. Per i vicini era una persona “tranquilla e discreta”. Ma seguendo le tracce da lui lasciate, la polizia ha scoperto che almeno tre persone sono state ammazzate e mangiate dall’uomo. Sono stati inoltre trovati fucili, coltelli, proiettili e varie stoviglie utili per realizzare i suoi piani.

 

(Fanpage.it)

Altri dettagli sulla storia qui

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.