Europa o no, la sfida del Brexit dilania Londra

brexit_(dfsmith-22927152066-cc-by-nc)

Londra, Francesco Guerrera, La Stampa – «La Gran Bretagna è parte dell’Europa ma non è in Europa». Il sofismo di Churchill è la frase ideale per illustrare la tensione culturale, economica e storica tra il Regno Unito e il resto del blocco continentale. Amore, odio, razionalità o passioni viscerali, voglia d’Europa o splendido isolamento. Il 23 giugno sapremo quale parte della dicotomia vince. Il referendum voluto da Cameron per mettere pace nel partito conservatore sta dilaniando un Paese che di solito è abbastanza calmo.

E il dibattito su «Brexit» sta mettendo molta paura a Bruxelles, Parigi e Berlino, che temono che altre nazioni vogliano mettere in discussione il progetto dell’Unione europea.

I sentimenti forti generati dall’Europa non sono cosa nuova in una Gran Bretagna che è ancora nostalgica del suo passato imperiale (e imperialista) e che rimane incerta sulla sua appartenenza geografica e culturale all’Europa.

Vi faccio degli esempi personali. Quando andai all’università a Londra, mi colpì molto il fatto che fossi considerato uno studente «overseas», «d’oltre mare» ovverosia i 35 chilometri della Manica. E mi ci volle del tempo per capire che «Il continente» di cui parlavano i miei amici inglesi fosse l’Europa.

Di solito, però, gli psicodrammi europei i britannici li vivono in privato, o quantomeno nel Parlamento di Westminster o nelle stanze dei bottoni del partito conservatore. La decisione-kamikaze di Cameron ha messo questo profondo disagio socio-culturale ai raggi X, facendolo diventare una questione internazionale su cui Obama, la signora Merkel e perfino Michael Caine devono dire la loro. (I primi due sono pro-Europa, il terzo è pro-Brexit).

La popolazione è presa nel mezzo, costretta a scegliere tra la partecipazione in un’Europa che non sente propria e l’abbandono di un’Unione europea che ha aiutato il continente ad evitare gli orrori del passato.

Cameron lo ha detto proprio questa settimana, il giorno prima dell’anniversario del «Blitz» nazista che rase al suolo Londra nella Seconda guerra mondiale. «Siamo sicuri che la pace e la stabilità in Europa saranno sempre garantite?»

Boris Johnson, l’ex sindaco di Londra che è il leader della campagna pro-Brexit e vuole rimpiazzare Cameron, ha detto l’opposto: è l’Europa che crea tensioni e incomprensioni tra i Paesi.

Con dibattiti così è ovvio che il Paese sia in bilico. Lo dicono i sondaggi – l’ultimo agglomerato di tutti i rilevamenti, fatto dal «Financial Times», ha dato il 46 per cento al «Dentro», e il 43 per cento al «Fuori» con ancora molti indecisi. Lo dicono i divari generazionali – i giovani vogliono restare, gli anziani se ne vogliono andare – e quelli regionali – il Sud-Est di Londra e la Scozia sono anti-Brexit mentre il Nord d’Inghilterra e l’Ovest del Galles e Cornovaglia vogliono rompere con l’Europa.

DILEMMA AMLETICO 

Ma il dilemma, amletico ovviamente, è palpabile quando si parla con la gente comune.

Sono stato di recente a Tunbridge Wells, a un’oretta da Londra. Lì ho incontrato Olly Stevens, ragazzo prestante e gioviale che ha lasciato una carriera nella City per aprire un caffè dal tema ciclistico con un negozio di biciclette al piano di sopra.

Per Olly, che importa bici dall’Italia, dalla Germania e dal Belgio, il mercato unico europeo è una mano santa e Brexit sarebbe un salto nel buio. «E’ come lasciare tua moglie per un’altra donna senza prima conoscere l’altra donna», mi ha detto.

granbretagna_kozumel-4582801450-cc-by-nd)

Altri piccoli imprenditori, come Wilson Boardman, non vedono l’ora di commettere l’adulterio politico. Boardman, che è proprietario di Micromix Plant Health, un’azienda di fertilizzanti a tre ore di macchina a Nord di Londra, odia l’Ue, le sue regole e l’idea che la Gran Bretagna debba chiedere il permesso a Bruxelles per tante, troppe, cose.

«L’Ue è una burocrazia obesa, dalla corruzione terminale, basata su una moneta unica che dovremmo buttare nel gabinetto», mi ha detto nel suo corposo accento del Nord tra una sigaretta e l’altra. «Non siamo abbastanza “europei” per farci dettare legge da Parigi o Berlino».

Boardman ha messo in luce uno dei problemi-chiave: a più di mezzo secolo dalle parole sibilline di Churchill, la Gran Bretagna ancora non ha deciso se è «in» Europa.

IL GRANDE IMPERO 

Per molti altri Paesi europei, la storia moderna prima dell’Ue è una successione di dittature, bagni di sangue, avventure coloniali e due guerre mondiali durissime. Ma la Gran Bretagna ha una «storia» alternativa, almeno in teoria: un grande impero che rimane nella memoria collettiva attraverso le istituzioni del Commonwealth.

«Per secoli siamo vissuti in uno “splendido isolamento”, protetti dalla nostra marina e dall’Impero», ha scritto lo storico Vernon Bogdanor. «Ora l’isolamento non c’è più ma qualcosa è rimasto nella psiche dei britannici che non vogliono legami troppo stretti con l’Europa».

Ho riflettuto su queste parole ieri mattina mentre ero in giro per Londra, prima a Waterloo Station, nome reso famoso dalla famosa vittoria su Napoleone, poi a Trafalgar Square, che ricorda a inglesi e turisti il trionfo dell’ammiraglio Nelson sulle forze francesi e spagnole. La Gran Bretagna è antagonista dell’Europa anche nella topografia. Sono effetti inconsci e subliminali che supportano l’idea portante, ripetuta spesso dai leader pro-Brexit che «l’Europa ha più bisogno di noi che noi dell’Europa».

Dal punto di vista economico, ciò non è vero. Il Regno Unito vende il 44 per cento delle sue esportazioni ai Paesi Ue e solo il 17 per cento agli Stati Uniti. E un’uscita dall’Ue porterebbe a uno choc economico considerevole.

STERLINA A RISCHIO […]

Continua a leggere su LaStampa.it

__
Foto D Smith cc-by-nc, Kozumel cc-by-nd

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google