Figel è inviato speciale dell’UE per la libertà di religione

figel_(fb)

Jan Figel, che si è dimesso da poco da leader del Movimento Cristiano Democratico (KDH) dopo la rovinosa sconfitta alle elezioni parlamentari (per la prima volta in oltre vent’anni non ha preso seggi), sarà inviato speciale dell’UE per la promozione della libertà di religione o di credo al di fuori dell’Unione europea. Per questo nuovo incarico, che Figel inaugurerà, opererà come consigliere speciale del commissario per la Cooperazione e Sviluppo Internazionale, Neven Mimica per un mandato di un anno, rinnovabile.

Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha annunciato ufficialmente venerdì la creazione di questo nuovo ufficio, e la nomina di Figel che è stata fatta due giorni prima dal Collegium dei commissari sulla base di un’iniziativa di Juncker, cui a gennaio Figel l’aveva proposta, condivisa poi dal cap del Parlamento europeo Martin Schulz.

Figel, che era stato il primo commissario europeo della Slovacchia negli anni 2004-2009, aveva presentato pubblicamente la sua proposta al congresso del Partito popolare europeo (PPE) a Bruxelles il 19 marzo scorso, raccogliendo diversi consensi.

Figel ha basato la sua proposta sul fatto che le attività sviluppate finora dall’UE in campo umanitario e dello sviluppo, così come in campo diplomatico, non sono state sufficienti a proteggere efficacemente i credenti. La creazione della carica di inviato speciale, aveva detto, potrebbe rendere questa tematica  più visibile ed efficace.

(Red)

__
Foto fb/janfigel

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.