Kezmarok, ragazzini trovano in un prato antico e preziosissimo vaso in ceramica

vaso-cultura-Puchov_(foto_mrtvakost.sk)

Bambini della quinta elementare di una scuola a Kezmarok (regione di Presov) hanno trovato, mentre giocavano in un prato, un importante manufatto raro dell’antichità. Il quotidiano Pravda scrive oggi che i ragazzini, che stavano giocando vicino alla collina di Gerusalemme, vicino al centro della città, hanno individuato un vaso di ceramica che spuntava dal terreno. Una volta estratto il reperto, lo hanno mostrato al loro insegnante di storia Dusan Tokarcik che ne ha immediatamente riconosciuto il grande significato.

Il manufatto è stato portato al Museo di Kezmarok, dove l’archeologa Marta Kucerova ritiene che il vaso, che è alto 15 centimetri ed dovrebbe risalire a circa 2.000 anni fa, sia una scoperta importante, perché è raro trovarne uno in tali buone condizioni. La ceramica, quasi intera, sembrerebbe provenire dalla cosiddetta cultura di Puchov, riconducibile a tribù celtiche che vivevano sul territorio della moderna Slovacchia tra il 2° secolo aC e il 1° secolo dC. La zona intorno alla collina in questione, ha detto Kucerova a Pravda, come riportato da Tasr, ha già prodotto un gran numero di reperti, ma il luogo in cui il vaso è stato trovato deve ancora essere sottoposto a ricerche archeologiche. La collina, detta in slovacco Jeruzalemský vrch, è stata insieme alla sorella Michalský vrch sede dei più antichi insediamenti della cittadina di Kezmarok, risalenti a circa 10mila anni fa.

(Red)

__
Foto: un vaso della cultura di Puchov – mrtvakost.sk

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.