Lajcak al governo: Slovacchia preparata alla Presidenza UE, 1.092 funzionari sono pronti allo scopo

miroslav-lajcak_(polandmfa_4147102582@flickr_CC)

Relazionando i colleghi del consiglio dei ministri, il capo della diplomazia slovacca Mirosav Lajcak ha dichiarato che i dipendenti del ministero sono ben preparati alla Presidenza della Slovacchia del Consiglio dell’UE prevista per il secondo semestre di quest’anno. Il ministro degli Affari Esteri ha scritto nel suo rapporto che sono stati soddisfatti tutti gli obiettivi pensati per migliorare le prestazioni dei dipendenti pubblici per l’agenda europea: ben 1.092 persone, provenienti da 27 organi centrali dell’amministrazione statale, sono state addestrate nel periodo dal marzo 2014 al dicembre 2015 allo scopo di servire al meglio il Paese in questo importante appuntamento. Si tratta di un numero superiore del 20% a quello previsto nel progetto originale.

Il personale ha seguito corsi di tipo istituzionale-procedurale, serviti a migliorare la loro conoscenza del funzionamento del Consiglio UE e di altre istituzioni e organi dell’Unione, è stato formato sulle tecniche di comunicazione e negoziazione, e ha preso lezioni di lingua inglese e francese, il tutto finanziato grazie a un contributo di 1,67 milioni del Fondo sociale europeo, del quale ad oggi sono stati spesi circa i tre quarti.

La preparazione di personale, organizzazione e logistica è trattata dal ministero degli Esteri già dall’inizio dello scorso mandato di governo, mentre la gestione materiale della presidenza è già da tempo nelle mani dei singoli ministeri che dovranno governare le materie di loro competenza e presiedere i diversi consigli e summit che si terranno nella seconda parte dell’anno.

Informazioni e istruzioni di base sul funzionamento dell’organizzazione che la Slovacchia sarà chiamata a dirigere sono state fornite ieri ai ministri slovacchi dal segretario generale del Consiglio dell’UE, Jeppe Tranholm-Mikkelsen, che era a Bratislava anche per farsi conoscere dai suoi prossimi ‘superiori’. Questo, ha detto Lajcak, è il primo di due incontri preparatori per la presidenza. La prossima “lezione”, tuttavia, sarà individuale, e ogni ministro potrà apprendere questioni pratiche di specifico interesse del suo dicastero.

(Red)

__
Foto polandmfa cc-by-nd

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.