È il tramonto dell’Occidente ? Gli esperti dicono che l’Oriente prenderà il timone

La crisi economica sta cambiando la ridistribuzione del potere mondiale? Mentre gli esperti avvertono che Unione Europea, Stati Uniti e Giappone a seguito dell’indebolimento economico potrebbero essere affetti da una crisi del debito sull’esempio di quello che abbiamo visto in Grecia, l’economia e il bilancio militare della Cina aumentano ancora . Le democrazie occidentali saranno in grado di garantire la loro sicurezza nonostante l’indebitamento? Come avverrà la distribuzione del potere tra l’Occidente, la Cina e la Russia, che sta prosperando con l’esportazione di materiali strategici? Questo il tema del panel “Tramonto dell’Occidente” della conferenza internazionale GLOBSEC 2010 tenutasi a Bratislava il 13-14 Settembre, e guidata da Philip Stephens, noto giornalista del Financial Times.

«Il potere si è spostato verso Est», conclude Miriam Campanella, Professore associato dell’Università degli Studi di Torino. La questione a suo avviso rimane se le potenze emergenti come la Cina, l’India o il Brasile sono in grado di accettare la definizione di potere del XXI secolo: «responsabilità globale nella risoluzione di problemi comuni».

John Kornblum, ex Ambasciatore degli Stati Uniti in Germania e riconosciuto esperto americano sulle relazioni euro-atlantiche ha sostenuto nel corso della discussione alla conferenza sulla sicurezza in corso GLOBSEC 2010 a Bratislava, che il “modello occidentale” del sistema mondiale stabilito dopo la Seconda Guerra Mondiale è finito. C’è invece un sistema di “rete integrata”, una situazione in cui il multilateralismo significa che «ognuno è collegato a tutti». E ha concordato con Camille Grand , Direttore della Fondazione per la ricerca strategica di Parigi, che questo nuovo multilateralismo dovrebbe significare anche legami più stretti tra gli Stati Uniti e l’Europa nella gestione degli affari globali. Perché, come la Grand sottolinea, «la potenza americana sarà sempre più provata dagli ‘Stati canaglia’ come l’Iran o la Corea del Nord».

Gli esperti non hanno dimenticato di toccare il ruolo della Russia in questo nuovo ordine mondiale. Mentre la Russia pianifica l’ammodernamento dopo la crisi economica globale che «ha dimostrato che gas e petrolio non sono abbastanza», l’ex Ministro delle Finanze slovacco ed ex vicepresidente della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo Brigita Schmognerova, ha dubbi sulla possibilità che la Russia possa iniziare la modernizzazione nel prossimo futuro. Lei ha sottolineato il fatto che la situazione post- crisi potrebbe portare ad aumenti dei prezzi del petrolio e del gas, e quindi bloccare eventuali tentativi di modernizzazione in Russia.

La conferenza GLOBSEC 2010 è stata organizzata dalla Commissione Atlantica Slovacca in cooperazione con il Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Slovacca, la Rappresentanza della Commissione Europea in Slovacchia e la Divisione diplomazia pubblica della NATO.

(Fonte GLOBSEC, La Redazione)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google