Ospedale Kosice, donna rom sterilizzata senza consenso: tribunale decide un risarcimento

osped_(skeeze-676375@pix)

La corte distrettuale di Kosice II ha stabilito la violazione dei diritti di una donna rom quando venne sterilizzata presso l’Ospedale Universitario Pasteur di Kosice nel 1999 senza il suo consenso informato. Il giudice ha obbligato l’ospedale a scusarsi e pagare alla donna un risarcimento di quasi 17.000 euro. La donna fu sterilizzata nel 1999 durante una operazione di parto cesareo prematuro del suo secondo figlio. Secondo l’associazione ‘Consulenza per i diritti civili e umani’ lei fu informata che «la sterilizzazione doveva essere eseguita dal medico solo nel caso fosse stata in travaglio con forti contrazioni, e si poteva temere per la sua vita e quella del bambino. Il giorno dopo le fu detto che era stata sterilizzata, senza darle ulteriori informazioni sull’intervento o sulle sue conseguenze. In seguito la paziente scoprì che nella sua cartella clinica era stata inclusa una sua domanda di sterilizzazione scritta, datata e firmata il giorno della nascita del bambino, come se la procedura fosse stata chiesta da lei». La donna si rivolse poi al tribunale nel 2005, chiedendo un risarcimento di circa 16.600 euro (500.000 corone slovacche).

Il verdetto, datato 19 febbraio, non è ancora effettivo, e nel frattempo l’ospedale ha presentato ricorso.

(Red)

_
Foto skeeze CC0

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.