Il Ministero delle Finanze si attende un’inflazione al 3,5% nel 2011

L’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) dovrebbe aumentare dell’1% nel 2010, arrivando al 3,5% nel 2011 a causa sia di mercato che di fattori extra-mercato, secondo le previsioni macroeconomiche elaborate dal Ministero delle Finanze slovacco e pubblicate Martedì.

Secondo il Ministero, la Slovacchia dovrebbe subire un considerevole aumento del tasso di inflazione già nell’autunno di quest’anno, soprattutto per materie prime più costose, petrolio e derrate alimentari in particolare, che a loro volta vengono dalla scarsità dei raccolti in Russia, Kazakistan, Ucraina e Slovacchia.

«Supponiamo che l’aumento annuale dei prezzi dei prodotti alimentari possa salire del 10% verso la fine dell’anno», ha dichiarato il Financial Policy Institute (IFP) del del Ministero.

Secondo gli analisti, i prezzi regolati di gas, riscaldamento e energia elettrica sono attesi salire all’inizio del prossimo anno per un aumento dei prezzi del petrolio e un dollaro più forte contro l’euro, il che spingerà verso l’alto anche i prezzi dei carburanti.

A parte i riflessi del mercato, l’inflazione più elevata nel 2011 sarà anche dovuta, tra l’altro, dai provvedimenti per il consolidamento delle finanze pubbliche slovacche, come l’aumento dell’IVA dal 19 al 20% nonché l’aumento delle accise su alcolici e sigarette.

(Fonte TASR)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.