Roma, la letteratura d’Europa alla Giornata Mondiale del Libro

11211

Sabato 23 aprile 2016, in occasione della Giornata Mondiale del Libro, la Biblioteca Europea di Roma (Via Savoia 15) ospiterà dalle 10:00 un reading intitolato L’Europa ama il classico, nel corso dei quale sedici paesi europei, tra i quali la Slovacchia, manderanno in scena brani tratti da opere di grandi autori recitati in italiano e in versione originale. Una performance teatrale e un percorso labirintico in cui si alternano e si contaminano lingue e autori in un gioco di specchi e di rimandi letterari.

L’Istituto Slovacco a Roma contribuisce a questa manifestazione con lo scrittore Gejza Vámoš, uno dei principali esponenti del naturalismo slovacco, e il brano tratto dalla sua opera L’occhio di Edita (Editino očko, 1925).

La produzione letteraria di Vámoš è stata influenzata dal suo retroterra familiare e sociale, dalle sue esperienze in campo medico e da una visione filosofica influenzata da Schopenhauer, Nietzsche e Darwin. Il racconto “L’occhio di Edita” ha suscitato reazioni contrastanti nella critica, avversa a quest’opera per il suo tema controverso. In esso, infatti, l’autore affronta in modo non convenzionale un evento tragico avvenuto nella sua famiglia e tratta il tema della malattia e della vulnerabilità umana.

L’incontro, con cui si aprono i festeggiamenti per il decennale della Biblioteca Europea, proseguirà alle 12:00 con La Mancha d’Europa – il viaggio all’ombra dei Cavalieri della Bianca Luna di Cervantes e alla luce dell’hombre sognante e sognato di Borges, con apparizioni e figure da Shakespeare. A cura di Carlo Quartucci e Carla Tatò con la partecipazione degli attori della Scuola di perfezionamento del Teatro di Roma.

Info qui

(Fonte Ambasciata Slovacca)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google