Schmognerova: il 20% di IVA sugli alimentari è una rarità europea

Aumentare l’imposta sul valore aggiunto dal 19 al 20% non porterà più soldi nelle casse dello Stato, come si aspetta il nuovo Governo, ha detto l’ex vicepresidente della Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) Brigita Schmognerova in un’intervista.

«Ci sarà sicuramente un effetto negativo sui consumi, che saranno più bassi. È necessario guardare all’aumento dell’IVA in modo più completo e non soltanto con la calcolatrice in mano riguardo alle entrate che potrebbe portare al bilancio. Lo scenario di shopping trans-frontaliero verso la Polonia, Repubblica Ceca o Ungheria può rifiorire e le aspettative di maggior reddito potrebbero svanire», ha detto l’ex Ministro delle Finanze (1998-2002).

Secondo la Schmognerova, l’aumento dei prezzi può avere effetti sociali negativi imminenti. «Guardiamo all’IVA al 20% su cibo o vestiario per bambini, è una rarità europea. In Gran Bretagna, per esempio, l’IVA sui prodotti alimentari e l’abbigliamento per bambini è stata azzerata», ha sottolineato.

I rappresentanti dei quattro partiti della Coalizione hanno deciso all’inizio di Settembre di aumentare temporaneamente l’IVA dall’attuale 19 al 20%. La modifica, dicono, sarà applicata soltanto fino a quando il disavanzo pubblico scenderà sotto il 3% del PIL, il che è previsto accadere nel 2013.

Su libri e farmaci sarà comunque mantenuta un’aliquota ridotta al 10%. La Schmognerova dice che sarebbe apprezzabile se che più voci fossero tassate con una aliquota IVA ridotta. «È il momento di rivedere il problema dell’aliquota IVA unificata», ha commentato.

(Fonte TASR)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*