Piccole imprese: favorevoli al piano del governo di ridurre il carico fiscale per le PMI

imprese

L’Associazione Slovacca delle Piccole e Medie Imprese (SAMP) accoglie con favore l’intenzione del nuovo governo di abbassare l’imposta sul reddito delle società dal 22 al 21%. Lo ha detto il suo presidente Vladimir Sirotka parlando con Tasr, e sottolineando che ora l’associazione si vuole battere per cancellare le licenze fiscali che pesa in particolar modo sulle piccole imprese, per evitare l’introduzione di licenze per i lavoratori ​​autonomi e per la  riduzione dei prezzi dell’energia.

La pressione fiscale, ha detto Sirotka a Tasr, «è alta soprattutto nel settore delle piccole e medie imprese e dei lavoratori ​​autonomi». Non si tratta solo di imposte sul reddito, ha spiegato, ma di tutta una serie di oneri locali come la tassa sui veicoli a motore, vera e propria imposta di proprietà. L’onere finanziario complessivo per le piccole aziende è relativamente alto, dice Sirotka, ricordando che il governo ha dichiarato l’intenzione di aumentare i limiti dei contributi sui salari forfettari per le imprese, oggi al 40%, percentuale che l’associazione vedrebbe bene se tornasse al 60% allo scopo di vedere uno sviluppo positivo nell’ambiente imprenditoriale, soprattutto per quanto riguarda il lavoro qualificato.

La SAMP è dell’opinione che i buoni pasto vadano eliminati e che al loro posto sia introdotto un contributo fisso in busta paga di circa 50 euro al mese.

(Red)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.