Rappresentanza UE: la Slovacchia deve coordinare meglio l’erogazione dei fondi europei

Eurofondi

È necessario rafforzare il coordinamento dell’erogazione dei fondi europei in Slovacchia. Lo ha detto il capo della rappresentanza della Commissione europea (CE) in Slovacchia Dusan Chrenek nei giorni scorsi, evidenziando il bosogno di una semplificazione delle norme e di migliorare i processi per gli appalti pubblici. Chrenek ha citato diverse carenze nell’utilizzo dei fondi della UE in Slovacchia, tra cui la lentezza nella preparazione dei grandi progetti nelle aree dell’ambiente e dei trasporti, la scarsa efficienza del loro utilizzo, i problemi in materia di appalti pubblici e i frequenti cambiamenti di personale nei singoli programmi operativi.

È chiaro, sostiene, che serve una semplificazione burocratica, perché i requisiti in Slovacchia «sono spesso molto più impegnativo e complicati rispetto a quelli a livello europeo». La Slovacchia, ha ricordato, è stato uno dei pochi paesi che è riuscito ad ottenere circa il 10% in più di fondi per il corrente periodo di bilancio (2014-2020), mentre al contrario il budget complessivo dell’UE è diminuito. È una grande opportunità che va usata per ridurre le disparità regionali e per investire in settori chiave, ha sottolineato Chrenek.

In questo periodo settennale le entrate nette della Slovacchia da fondi europei dovrebbero ammontare a 13,5 miliardi di euro, una somma quasi pari al bilancio annuale dello Stato slovacco.

Sebbene queste parole di Chrenek risalgano ad alcuni giorni fa, l’altro ieri il vice primo ministro per gli Investimenti uscente, Lubomir Vazny (Smer-SD) ha detto di essere consapevole del fatto che la maggior parte delle correzioni e delle spese non rimborsate dalla Commissione europea nell’erogazione dei fondi UE in Slovacchia sono dovute principalmente a carenze nei procedimenti delle gare di appalto pubblico. Si tratta soprattutto di accorciamento dei termini o di condizioni discriminatorie, ha detto Vazny. Per correggere queste storture, ha sottolineato, il governo slovacco ha provveduto con misure immediate come ad esempio l’introduzione di un sistema di contrattazione elettronico (EKS) il cui effetto sarà visibile solo nella nuova legislatura. Al suo posto sarà nominato nel nuovo governo di coalizione Peter Pellegrini, e i poteri dell’ufficio dovrebbero essere aumentati.

(Red, Fonte RSI)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Moving International

Studio legale/Advokátska kancelária Biksadský & Partners

Capolavori dell'Arte Gotica della Slovacchia in mostra al Palazzo del Quirinale

news giorno x giorno

settembre: 2016
L M M G V S D
« Ago    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

ARCHIVIO

pubblicità google

Questo contenuto contiene cookie di terze parti. Potrai visualizzarlo dando il tuo consenso alla Cookie policy.  
Questo contenuto contiene cookie di terze parti. Potrai visualizzarlo dando il tuo consenso alla Cookie policy.