Ministero Finanze: PIL slovacco al 4% nel 2010

Il Ministero delle Finanze ha oggi informato di una forte revisione della sua stima di crescita per l’economia slovacca nel 2010: se a Giugno era ancora fermo su un 3,2%, oggi la previsione è del 4%. La stima per il prossimo anno, però, è stata abbassata dal 3,8 al 3,3%. «Le ragioni principali del cambiamento della prognosi sono le misure di consolidamento, stime più ottimiste per l’ambiente esterno e per i positivi risultati in Slovacchia e nella zona euro all’inizio del 2010», recita la dichiarazione pubblicata dall’Istituto di Politiche Finanziarie del Ministero.
Secondo gli analisti del Ministero, la crescita più solida dell’economia slovacca è dovuta alla domanda estera e ad una ripresa dei consumi delle famiglie, sulla scia di un miglioramento della situazione sul mercato del lavoro prevista dopo il 2012. La ripresa delle esportazioni dunque ha fatto la parte del leone, con aumenti della produzione a due cifre negli impianti automobilistici slovacchi.

Il Ministero delle Finanze è più ottimista della Banca Centrale slovacca (NBS), la cui stima per quest’anno è ancora ferma al 3,7%. Gli analisti delle banche commerciali e il Fondo monetario internazionale (FMI), avevano già stabilito il 4% di crescita.

«Abbiamo ragione di attenderci che il tasso della crescita per l’intero anno sarà tra i più alti dell’Unione Europea», ha detto l’analista capo di Volksbank Vladimir Vano in una dichiarazione per Hospodarske Noviny. Una buona notizia arriverebbe anche da Bruxelles, la Commissione Europea ha migliorato le sue previsioni di crescita media per le economie dei Paesi della zona euro di quasi un punto percentuale, all’1,7%. La Germania, che è il primo acquirente delle esportazioni dalla Slovacchia, dovrebbe vedere la sua economia crescere del 3,2%, il che dovrebbe contribuire a incentivare l’economia slovacca. D’altra parte però, non ci si aspettano miglioramenti per quanto riguarda la disoccupazione nel resto dell’anno.

Nel 2009 l’economia slovacca si era contratta del 4,7% per la crisi economica mondiale.

(Fonte TASR, HN)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.