Trasportatori slovacchi: se chiude Schengen spedizioni più care e rischi all’economia

traspor-logist_(didbygraham-cc-by)

I trasportatori slovacchi associati nell’associazione Cesmad sono preoccupati per la possibile disgregazione dell’area Schengen, e dalla conseguente forte riduzione della libertà di movimento delle merci nell’Unione europea, che, dicono, porterebbe a rallentare e complicare notevolmente il trasporto stradale commerciale nel continente. Chiedendo alle autorità politiche di fare il possibile per evitare un tale scenario, Cesmad spiega che in particolarela Slovacchia ha molto da perdere dall’abolizione o riduzione di movimento nello spazio Schengen per l’estrema apertura della sua economia che la rende strategicamente dipendente dai rifornimenti esteri e dalle esportazioni della produzione industriale nazionale.

La reintroduzione dei controlli ai confini nazionali significherebbe lunghe code e attese per i trasportatori ai valichi di frontiera, un allungamento delle vie commerciali di trasporto e di conseguenza un aumento dei costi e degli oneri amministrativi, l’esposizione dei trasportatori a eventuali sanzioni contrattuali per i conseguenti ritardi nelle consegne e per finire il pericolo della perdita di opportunità di lavoro. Un aumento dei prezzi di trasporto porterebbe inevitabilmente alla crescita dei prezzi di beni e servizi e minare l’economia nazionale, conclude l’associazione.

(Red)

_
Foto G.Richardson cc-by 2.0

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google