Sulik: decurterò lo stipendio ai deputati assenti, non farò come Paska

Nel talk-show domenicale ‘Na Telo’ (A nudo) su TV Markiza (la tv a maggior share in Slovacchia, con circa il 50%), il Presidente del Parlamento Richard Sulik (SaS) era ieri opposto al suo precedessore Pavol Paska (Smer-SD), il quale lo ha accusato di non saper gestire il suo incarico, considerando il Parlamento come una sua azienda. «Prende il suo lavoro come chi non ha la minima idea di cos’è il Parlamento», ha detto l’ex Presidente, aggiungendo che Sulik è stato eletto con un gruppo di deputati del tutto impreparati che «hanno creato un clima di immenso pressione emotiva e diffamazione».

«È molto quel che posso fare», ha detto Sulik respingendo l’idea di prendere il Parlamento come una ditta. «Questa è una sciocchezza bella e buona. Non sono capace di predicare ai parlamentari». Ha poi detto che terrà d’occhio i 150 deputati, e chi è assente alle sedute della Camera senza una buona ragione si vedrà decurtato di metà dello stipendio e del benefit di parlamentare.

Tra gli esempi al riguardo Sulik ha citato Katarina Cibulkova, madre della famosa tennista slovacca Dominika, che è stata vista questo mese a fare il tifo per la figlia in un torneo all’estero, anzichè partecipare ai dibattiti parlamentari, e la Commissione media non ha potuto adottare una risoluzione. Inoltre ha fatto i nomi di Jan Slota (leader SNS) e Jan Pociatek (Smer-SD), che avranno tagli agli stipendi per aver saltato la terza e quarta sessione della legislatura. Entrambi avevano presentato giustificazioni scritte per la loro assenza, ma Sulik non le ha trovate abbastanza convincenti.

E ha dichiarato che non permetterà che il Parlamento si trasformi in una stia per piccioni, come aveva fatto il suo predecessore Pavol Paska. «Lui aveva sempre assenti, io non ne avrò nessuno», ha detto.

(Fonte TASR)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.