Integrazione e civiltà occidentale

filosofia-civilta-raffaello

È un fatto ormai noto a tutti che il mondo procede a larghi passi verso una realtà di omogeneizzazione delle procedure di scambi commerciali e finanziari.

Da quasi due decenni le borse nazionali sono interallacciate tra loro per cui il crollo di un indice in una borsa di una nazione europea o asiatica, si ripercuote sulle altre borse con effetti a volte devastanti.

L’accorciamento dei tempi necessari a spostarsi da una nazione all’altra e da un continente all’altro ha reso il mondo estremamente più piccolo di quello che era anche soltanto all’inizio del secolo XX°.

Ciò ha imposto una standardizzazione della lingua e delle procedure di scambi di merci. La standardizzazione necessita di un livello di profondità sempre maggiore e questo significa in ultima analisi trasformare il nostro pianeta in un unico blocco in cui le differenze culturali, religiose, linguistiche e perfino etniche scompaiano.

La teoria in base alla quale questo processo implicherebbe il trionfo della civiltà occidentale sulla base della quale si realizzerebbe la tanto paventata o temuta globalizzazione è talmente diffusa da essersi trasformata in dogma.

Dal momento che la lingua inglese, lingua occidentale, è diventata lo standard di comunicazione internazionale e dal momento che finanza, economia, tecnologia e scienza, sono un prodotto dell’Occidente, automaticamente questo implicherebbe che il mondo si sia per così dire ‘occidentalizzato’.

Ma che cosa significa ‘occidentalizzare’?

Continua a leggere sul sito italiani.net

__
Img: Raffaello, La scuola di Atene

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google