Brexit: cosa succede se Londra lascia l’UE

Londra_(anirudhkoul-3499471010)

È un’ipotesi verosimile, per di più confortata dai sondaggi. A prescindere dalle concessioni e dai cambiamenti che i leader europei adotteranno per permettere a David Cameron di dire ai suoi elettori di aver ottenuto le riforme richieste per confermare l’adesione del Regno Unito all’Unione, non è impossibile che gli eurofobi abbiano la meglio in occasione del referendum del 23 giugno.

Se ciò accadesse, una delle tre principali potenze europee abbandonerebbe il progetto unitario, provocando un sisma tanto più violento se consideriamo che parliamo di uno sviluppo senza precedenti. Ma cosa può accadere concretamente?

Secondo uno dei leader europei più informati, la risposta è “niente”, o quantomeno niente di immediato.

Innanzitutto, fino a quando i britannici non si saranno pronunciati sarebbe controproducente avanzare la minima idea per rilanciare l’Unione dopo l’eventuale uscita di Londra, perché significherebbe rafforzare gli eurofobi, che accuserebbero i leader europei di voler trasformare l’eurozona in un’unione politica che detterebbe legge all’interno del progetto europeo e sosterrebbero che l’unico modo di sfuggire al federalismo è rompere definitivamente.

Continua la lettura su Internazionale.it

__
Foto Anirudh Koul cc-by-nc

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google