La Croazia con il nuovo governo svolta al nero

Le impressioni di una virata a destra della Croazia vengono rafforzate con l’insediamento del nuovo esecutivo. Il paese rischia di rimanere prigioniero del passato e di una narrazione nazionale manichea. Un commento.

croazia (foto_wikipedia-cc)

Se di una svolta a destra della Croazia si parla da diverso tempo, la formazione del primo governo nato dalla coalizione post-elettorale tra il partito di centro-destra HDZ e la lista Most (“Ponte”) non fa che rafforzare i timori che anche Zagabria stia virando a destra, seguendo il modello di altri paesi dell’Europa orientale. Tuttavia, ad infiammare gli animi della società croata, più che temi di scottante attualità come quello dei migranti, pare essere ancora il rapporto con la memoria storica della Seconda guerra mondiale e dell’ultima guerra degli anni ’90.

Negli anni precedenti all’entrata del paese nell’Unione europea, avvenuta nel luglio 2013, si era assistito a un’atmosfera politica sempre più distante dal nazionalismo aggressivo del decennio precedente – con il Partito socialdemocratico al potere, ma anche con l’HDZ sotto la reggenza di Ivo Sanader e Jadranka Kosor –, a riforme importanti, come quella sulle unioni civili, a migliori relazioni di vicinato con la Serbia e alla fioritura della società civile con numerosi movimenti impegnati su temi come i beni comuni, la difesa del territorio e la lotta contro la speculazione edilizia.

Continua a leggere sul sito Osservatorio Balcani e Caucaso

__
Foto WikiCommons

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google