Corruzione: la Slovacchia migliora, ma Fico ammette “fatti solo piccoli passi”

corruz2015

La Slovacchia è salita al 50° posto su 168 paesi nella classifica del 2015 Corruption Perception Index pubblicata ieri dalla ong Transparency International (TI). Alla stessa posizione, con 51 punti, sono anche l’Ungheria e la Croazia, mentre peggio vanno la Repubblica Ceca (37esima con un punteggio di 56), la Polonia (30esima con 62, migliore dei quattro paesi di Visegrad), la Slovenia (35esima, 60), la Romania (58esia, 58 punti). In generale, i Balcani sono tutti dietro, per non parlare dell’area ex sovietica. L’Italia non è proprio messa benissimo, essendo 61esima (sempre su 168 paesi), con un punteggio di 44.

Alla testa dei paesi più virtuosi sono Danimarca (91 punti), Finlandia (90), Svezia (89), Nuova Zelanda (88, prima lo scorso anno con 91) e l’Olanda a pari merito con la Norvegia (87).

In fondo, i paesi più corrotti del pianeta sono Somalia e Corea del Nord (8), Afghanistan (11), Sudan (12) e l’accoppiata Sud Sudan – Angola (15), seguita da un’altra accoppiata, Libia – Iraq (16).

La Slovacchia, con i suoi 51 punti, ha migliorato di un punto rispetto all’indice 2014 (ne aveva 50), ma se anche è una notizia positiva, il governo è tutt’altro che soddisfatto, ha detto il premier Robert Fico reagendo alla pubblicazione. Ciò che è importante è rispondere ai sentimenti e bisogni delle persone, ha detto ieri Fico in conferenza stampa. Di recente, ha ricordato, «sono state introdotte nuove misure che prima non esistevano. Prendiamo ad esempio il limite imposto ai pagamenti in contanti, che rappresenta una misura importante nella lotta contro la corruzione», ha sottolineato il premier. Fico ammette tuttavia che si tratta di piccoli passi, piuttosto che di una rivoluzione.

Vedi tutto il rapporto QUI.

(La Redazione)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google