Corruzione: un’Europa a più velocità

corruzione_(kmillard92_796971032@flickr)

Giovedì 21 gennaio la presidenza olandese dell’Unione europea ha pubblicato una nuova graduatoria dell’integrità pubblica per i 28 Stati membri dell’Unione. La graduatoria rappresenta la prima misurazione oggettiva dell’integrità pubblica nell’Ue e fa parte di un rapporto ufficiale sulla fiducia e l’onestà commissionato da un gruppo di istituti di ricerca associati al Progetto ANTICORRP guidato dalla professoressa Alina Mungiu-Pippidi dell’Hertie School of Governance di Berlino.

La graduatoria si basa su sei indicatori strettamente legati tra loro che, da un lato, sono in correlazione sufficiente da poter essere aggregati in un unico indice e dall’altro sono fortemente associati con gli indicatori di corruzione esistenti. Questi indicatori comunemente utilizzati – per esempio l’Indice di percezione della corruzione di Transparency International – si basano sulle percezioni di specialisti. Il nuovo Indice di Integrità Pubblica (Ipi), invece, è più oggettivo e si basa su sei indicatori di trasparenza: la semplicità amministrativa (il tempo occorrente a registrare un’azienda e a pagare le imposte); l’apertura del commercio; l’efficienza delle procedure di revisione; la capacità giudiziaria; i servizi online offerti dal governo e quelli utilizzati dalla popolazione.

[…]

Italia al 222esimo posto, subito davanti alla Slovacchia, al 22esimo. […]

Leggi il resto su Voxeurop.ue/it

__
Foto kmillard92 cc-by-sa

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.